Cronaca

Salerno, 15mila euro per i fuochi d’artificio di San Matteo. Malumori per le parole di Iervolino

Salerno, 15mila euro per i fuochi d'artificio di San Matteo. Da Palazzo di Città filtrerebbero malumori per la proposta di Iervolino

Via libera ai fuochi d’artificio dopo la processione di San Matteo Salerno. Una ditta specializzata avrebbe richiesto al Comune di Salerno una cifra pari a 15mila euro per organizzare lo spettacolo pirotecnico della durata di 20 minuti che concluderà la festa patronale di San Matteo come riportato da Telecolore.

Salerno, 15mila euro per i fuochi d’artificio di San Matteo

Intanto, da Palazzo di Città filtrerebbero malumori in seguito alle parole di Danilo Iervolino, patron della Salernitana, il quale sulle colonne del quotidiano Il Mattino oggi in edicola aveva manifestato la propria disponibilità a coprire il costo dell’evento. Alcuni amministratori, in particolar modo, avrebbero parlato di “mancanza di bon ton”, spiegando che l’imprenditore di Palma Campania avrebbe “dovuto interpellare direttamente il sindaco”. 

San Matteo, Iervolino pronto a finanziare i fuochi d’artificio

Il presidente della Salernitana, Danilo Iervolino, è pronto a fare un altro regalo ai salernitani finanziano i fuochi in occasione di San Matteo. “Amo la città di Salerno e la sua gente. La festa di San Matteo, sia quella religiosa che quella popolare, è un rito che i salernitani attendono per tutto l’anno”, ha aggiunto.

“In questi giorni ho letto del disappunto per la mancata organizzazione del tradizionale spettacolo pirotecnico che chiude le celebrazioni. Poi in tanti, per strada e allo stadio, mi hanno palesato delusione, dispiacere per questa cosa.

Sono fiero di dire che sento Salerno come la mia casa, i salernitani sono i miei concittadini e se posso contribuire a renderli felici, non solo sul campo da calcio, sono onorato di farlo. Se il Comune mi permetterà di farlo, quest’anno i fuochi pirotecnici non mancheranno, e saranno possibilmente granata”, aveva detto Iervolino.

Articoli correlati

Back to top button