Cronaca

Salerno: i carabinieri bussano alle porte del Comune

SALERNO. Ieri mattina gli uomini dell’Arma si sono recati presso gli uffici del settore Ambiente a via Settimio Mobilio e lì si sono trattenuti diverse ore per i motivi legati alle questioni di piazza della Libertà. In tal frangente, i carabinieri hanno richiesto una serie di documenti che sono stati prontamente consegnati. La presenza a via Mobilio, e non alla sede centrale di via Roma, è dovuta al fatto che lì si trova l’ingegnere Luca Caselli, responsabile unico del procedimento per l’opera firmata Bofill. Non sono attualmente noti i motivi di questa acquisizione, tuttavia, tra le carte consegnate, vi sono tutte le indagini relative all’inchiesta che possono dare il via a una nuova denuncia.

C’è infatti un nuovo esposto, inviato al procuratore Lembo e ai pm Valenti e Alfano lo scorso 17 maggio, relativo alla questione Fusandola: «La deviazione è abusiva – si legge nel testo – perchè non è mai stata prevista dal Piano urbanistico comunale. Pertanto è a dir poco paradossale che il Comune continui a rilasciare concessioni demaniali quadriennali che alla scadenza comporterebbero, come per gli stabilimenti balneari, il ripristino dello stato dei luoghi con l’eliminazione del nuovo alveo e il ripristino del vecchio».

E stando sempre alla questione Fusandola, si potrebbero scorgere anche ulteriori motivi legati all’acquisizione della documentazione, la Procura di Salerno, infatti, decide così di indagare sull’argomento, valutando le denunce di Italia Nostra attraverso la nomina di consulenti tecnici d’ufficio.

Fonte: La Città

Articoli correlati

Back to top button