Salerno, il grido d'aiuto di un trans salernitano: senza impiego dal 2014

SALERNO. Questa volta, a “sbattere i pugni sul tavolo” è Simona, una ragazza trans salernitana che, senza alcun timore, si espone ai microfoni del portale “aSalerno” al fine ultimo di denunciare un problema che affligge il Capoluogo, ovvero la totale assenza di lavoro per le persone detentrici del suo stesso orientamento sessuale. Continuano a cadere […]

SALERNO. Questa volta, a “sbattere i pugni sul tavolo” è Simona, una ragazza trans salernitana che, senza alcun timore, si espone ai microfoni del portale “aSalerno” al fine ultimo di denunciare un problema che affligge il Capoluogo, ovvero la totale assenza di lavoro per le persone detentrici del suo stesso orientamento sessuale. Continuano a cadere tegole sulla civile ed europea Salerno, che purtroppo mostra dei limiti tipici dei secoli precedenti.

È dal 2014 che Simona cerca lavoro, ma quando percorre tutte le trafile possibili e finalizzate a ottenere un impiego, la scalata diviene ben più dura persino rispetto alle persone appartenenti al più basso gradino della piramide sociale. Questa è la storia di questa ragazza, una storia che sconvolge l’opinione pubblica e che lascia molti spunti su cui riflettere. Simona ha richiesto più volte di essere supportata e aiutata socialmente dal comune, affinché potesse essere guidata e supportata per questo suo importantissimo percorso di vita, ma tra i misticismi della buona morale e le depistanti belle parole, il percorso di questo trans salernitano è divenuto davvero un’impresa.

TAG