“Le Cotoniere”, addetti alle pulizie senza stipendio: la denuncia di Fisascat Cisl

furto, Le Cotoniere

La denuncia viene da Raffaele Montefusco della Fisascat Cisl provinciale e Gennaro Scarano delle Uiltrasporti Salerno, che spiegano come gli addetti alle pulizie e di guardiania de Le Cotoniere sarebbero rimasti  senza stipendio

SALERNO. Storia lunga e complicata quella che hanno subito le maestranze della Mcm di Salerno, di proprietà del gruppo Lettieri, dopo la chiusura di ciò che nella valle dell’Irno ha rappresentato per anni l’eccellenza del tessile italiano. La denuncia viene da Raffaele Montefusco della Fisascat Cisl provinciale e Gennaro Scarano delle Uiltrasporti Salerno, che spiegano come gli addetti alle pulizie e di guardiania de Le Cotoniere sarebbero rimasti  senza stipendio.

La vicenda

“I lavoratori dopo la chiusura dal 2005  sono stati in parte “sostenuti” con l’utilizzo di ogni possibile ammortizzatore sociale fino al 2016, anno in cui la famiglia Lettieri ha inaugurato il mega centro commerciale “Le Cotoniere” – spiega Montefusco – ricollocando sui servizi di sanificazione e pulizia di guardiania ed altro buona parte degli operai licenziati da Lettieri e affidando tali servizi alla società Copas la restante parte delle maestranze che erano state impiegate presso la Medsolar, azienda riconducibile sempre alla famiglia Lettieri che ha chiuso a sua volta i battenti nel 2010 e posti in cassa integrazione fino al 2017, anno in cui gli imprenditori napoletani, facendosi carico dei costi da sostenere, affidava gli operai sempre alla Copas e per gli stessi servizi da svolgere presso il nuovo centro “La Fabbrica” che è in fase di ultimazione e dovrebbe aprire i battenti, già con notevole ritardo, nel prossimo mese di aprile”.

La denuncia di Fisascat Cisl

 “Gli operai, ancora oggi, sono costretti a vivere sofferenze che si trasmettono ai propri nuclei familiari da 17 anni”, continua il sindacalista della Cisl. “La Copas non riesce a retribuire correttamente i salari, sembrerebbe a causa degli scarsi versamenti della famiglia Lettieri che non rispetta gli accordi presi con l’azienda. Dunque i salari non vengono pagati o pagati male in difformità alle norme contrattuali vigenti le organizzazioni sindacali di Fisascat Cisl provinciale e Uiltrasporti”.

“Come sindacati abbiamo cercato di mediare a tutela dei lavoratori, rasentando la protesta eclatante, ma nell’ultimo confronto tra le parti abbiamo ricevuto la minaccia di un nuovo ricorso alla Naspi, l’indennità di disoccupazione. Tutto questo sarebbe causato dai ritardi registrati nell’apertura del nuovo centro della Lettieri, “La Fabbrica”. Dunque le “Cotoniere” inaugurate in pompa magna dalla politica territoriale e regionale che ne ha decantato lo splendore, nascondono nel suo ventre brutture che non pesano sui potenti, ma sempre e solo sull’anello debole della catena che sono le maestranze, le loro famiglie e i loro bisogni minimi essenziali. Ci auguriamo che tutto si possa risolvere serenamente e che Lettieri faccia la sua parte rispettando gli accordi sottoscritti”.

TAG