Cronaca

Salerno: 71enne di Maiori muore dopo l’operazione, aperta inchiesta

SALERNO. La Procura della Repubblica di Salerno ha aperto un’inchiesta dopo il decesso di Raffaele Pastore, il 71enne di Maiori spirato ieri all’ospedale “Ruggi d’Aragona” di Salerno a causa di una complicanza seguita a un intervento cardiaco.

tentativo di suicidio, si taglia la gola in piazza, direzione del Ruggi, sit-in di protesta

Salerno: 71enne muore dopo l’operazione

Sono stati i familiari dell’ex operaio marittimo, rappresentati dall’avvocato Vincenzo Rispoli, a denunciare l’accaduto, subito dopo il decesso, ai carabinieri della compagnia di Mercatello. La salma è stata posta sotto sequestro in attesa dell’esame autoptico disposto dalla Procura.

Al vaglio degli inquirenti le cartelle cliniche dell’anziano per l’accertamento di eventuali responsabilità da parte delle equipe mediche dei tre centri in cui l’uomo è stato curato.

Il calvario

Il calvario dell’anziano era cominciato il 10 maggio scorso con un intervento per la sostituzione di una valvola cardiaca in una clinica di Mercogliano. Ricoverato successivamente in un centro riabilitativo e dimesso poco dopo, le sue condizioni di salute si aggravarono.

Ricoverato d’urgenza nei giorni scorsi al Ruggi di Salerno, a causa di un’infezione sopraggiunta dopo l’intervento, è spirato ieri mattina.

Sgomento a Maiori dopo la notizia della morte di Raffaele Pastore, persona conosciuta e benvoluta in città. Una vita per il mare la sua: operaio marittimo, a per anni ha lavorato a bordo delle navi Tirrenia sulla tratta Civitavecchia-Olbia. Raggiunta la pensione, si dedicava alla passione per l’artigianato e il modellismo: amava realizzare piccole imbarcazioni in legno di pregevole fattura.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button