Cronaca

Salerno: Matteo Leone morto sul lavoro, il cordoglio del arcivescovo Bellandi

"L’auspicio è che non ci siano mai più morti sul lavoro"

La città di Salerno è sconvolta per la scomparsa di Matteo Leone, operaio morto sul lavoro nella giornata di ieri. Il vescovo di Salerno, Monsignor Andrea Bellandi ha espresso il suo cordoglio in un messaggio rivolto anche alle istituzioni. Ecco cosa ha detto.

Matteo morto sul lavoro a 30anni: il cordoglio del vescovo Bellandi

Sua Ecc. Monsignor Andrea Bellandi, arcivescovo metropolita di Salerno-Campagna-Acerno, in questi giorni impegnato a Roma per la 74esima Assemblea Generale della Conferenza Episcopale Italiana, appresa la triste notizia della morte sul lavoro del giovane salernitano Matteo Leone, desidera partecipare il seguente messaggio di vicinanza e cordoglio:

Profondamente addolorato per la tragica morte di Matteo Leone, lavoratore portuale di trentaquattro anni, mi unisco con l’affetto e la preghiera al grande dolore della sua famiglia e dei tanti che lo conoscevano, chiedendo con forza che si mettano in campo tutte le energie affinché nei luoghi di lavoro siano sempre garantite le condizioni di assoluta sicurezza e non si debbano ulteriormente piangere persone che, nel compiere dignitosamente la loro fatica quotidiana, debbano, invece, trovarvi ingiustamente la morte.

L’appello alle istituzioni

“L’auspicio, certamente da tutti condiviso, è che non ci siano mai più morti sul lavoro, ma tutti ci si deve impegnare sempre di più per far sì che il desiderio diventi la realtà e non rimanga un proposito bello ma inutile.

Articoli correlati

Back to top button