“Io molestata alle Rocce Rosse di Vietri”, la denuncia choc di una ragazza di Salerno

Presunte molestie alle Rocce Rosse, denuncia di una ragazza di Salerno sui social. Due uomini avrebbero palpato una ragazza

Accusa di molestie alle Rocce Rosse. In questi minuti, sui social, si sta diffondendo la denuncia di una ragazza salernitana la quale lamenta di essere stata molestata presso la discoteca “Rocce Rosse” di Vietri sul Mare, in provincia di Salerno, nella serata di ieri.

Molestie alle Rocce Rosse

La ragazza, sotto gli occhi di tantissime persone, sarebbe stata tastata più volte da due uomini i quali le avrebbero palpato con veemenza il fondoschiena. I due si sarebbero poi giustificati prendendosela con la vittima rea – a loro avviso – di aver indossato una minigonna.

La denuncia dell’amica

Su Facebook un’amica della vittima ha pubblicato un lungo post in cui denuncia l’accaduto:  “Ieri sera, davanti ad una platea di gente inerte, due scimmioni caratterizzati dalla mancata evoluzione cerebrale e presi dai loro istinti animali hanno tastato più volte e violentemente il fondoschiena di una ragazza, solo perché indossava la minigonna e si sentivano autorizzati a farlo.

Andiamo per gradi: AUTORIZZATI DA CHI?
La minigonna non è un consenso. Cosí come non lo è un perizoma. Così come non lo è una scollatura. Così come non lo è non mettere il reggiseno. E non mi venite a dire che il mondo è malato ed una ragazza dovrebbe pensare a cosa va incontro, perché la normalità NON È QUESTA!

La normalità è avere la libertà di indossare ciò che ci pare e piace senza pensare che quell’abbigliamento potrebbe creare una situazione sgradevole e senza dover pensare che quel mondo lá fuori è pieno di teste di cazzo pronte a violentarti.
E non venite nemmeno a dirmi che non è successo nulla di che: DUE SUDICE MANI INDESIDERATE CHE TI TASTANO CONTRO LA TUA VOLONTÀ FANNO RIBREZZO E TI APRONO FERITE CHE SE NON VISSUTE, NON POTETE NEMMENO IMMAGINARE.

La cosa che più che mi sconvolge, è che molti hanno assistito non solo ai palpeggiamenti ma anche alle lacrime disperate di una ragazza e alle sue richieste di aiuto e sono rimasti tutti delle statue di sale che Sodoma e Gomorra scansatevi! Buttafuori svaniti nel nulla, insolenza di gente malata, porci e maniaci che nemmeno nelle gabbie dovrebbe stare ma, a mio avviso, sottoterra senza nemmeno una croce a indicare dove è sepolto, discoteche che non selezionano ma buttano la feccia dentro, cosí facciamo numero e ci auto lodiamo della grande serata…e non é solo per la discoteca in questione questo appunto.

Smettetela di permettere agli ANIMALI di divertirsi in luoghi che dovrebbero essere di svago e divertimento per le persone civili e che, invece, diventano luoghi di vergogna che si eviteranno per paura di altri eventi incresciosi come questi.

Io voglio solo da dire una parola a questi rifiuti umani: VERGOGNA E VI AUGURO LA PEGGIO VITA. E non preoccupatevi, che se vi becchiamo in qualche fotografia vi fate quattro chiacchiere con la Polizia”.

TAG