PoliticaSpeciale elezioni

Elezioni, a Salerno riconferma di Vincenzo Napoli: “Ci siamo confrontati col nulla”

Salerno, Vincenzo Napoli nuovo sindaco: riconferma per il centrosinistra. Battuti Sarno e Barone al primo turno

Sarà Vincenzo Napoli il nuovo sindaco di Salerno. Il sindaco uscente va verso la riconferma alla guida di Palazzo Guerra. Napoli resterà primo cittadino con una percentuale di gradimento del 57,40%. Netto il vantaggio sugli avversari diretti: Elisabetta Barone arriva al 16,76%, Michele Sarno si ferma al 16,02%.

Salerno, Vincenzo Napoli nuovo sindaco: i dati definitivi

Nonostante le voci su un possibile ribaltone, Vincenzo Napoli conquista una decisa la riconferma. L’amministrazione comunale resta di centrosinistra, con Elisabetta Barone Michele Sarno alle spalle. A correre per la poltrona da primo cittadino c’erano l’uscente Vincenzo NapoliMichele SarnoElisabetta BaroneAntonio CammarotaSimona Libera ScocozzaOreste Agosto, Gianpaolo LambiaseMaurizio Basso e Annamaria Minotti.

Vincenzo Napoli aveva 9 liste a suo favore; 7 quelle per Elisabetta Barone, 6 per Michele Sarno, 3 per Antonio Cammarota, 2 per Simona Libera Scocozza e una a testa per Oreste Agosto, Maurizio Basso, Gianpaolo Lambiase e Annamaria Barone.


Salerno, elezioni Amministrative: ecco tutti i voti dei candidati consiglieri


Le dichiarazioni

“Poi faremo le osservazioni nel dettaglio appena ci saranno i dati. In questa fase facciamo osservazioni generali che pure valgono. Ha vinto il progetto Salerno, un progetto che viene da lontano e che guarda al futuro. Abbiamo condotto una campagna elettorale con determinazione e limpidezza. Noi lo abbiamo fatto, altri non saprei. Abbiamo fatto prevalere un ragionamento parlando alla testa delle persone. Abbiamo incontrato le persone, le categorie, facendo valere un ragionamento che era tutto orientato ad un progetto a favore di Salerno. Le grandi opere, le opere previste per la prossima consiliatura che sono decisive per il futuro della città. Abbiamo reso evidente il nostro ragionamento politico.

La cosa desolante è che ci siamo dovuti confrontare con il nulla. Ma le parti a noi avverse non proponevano nulla. È stato sconcertante. L’unico obiettivo era smantellare la guida di questa città. Verificheremo quale è la portata di questo nostro ragionamento e poi partirà la nuova consiliatura con uno spirito costruttivo, fattivo. La prossima consiliatura ci vede partire da un gradino alto. Non a caso il motto della mia campagna elettorale era ancora più avanti'”. Queste le prime parole di Vincenzo Napoli dopo la rielezione a sindaco di Salerno.

Ai microfoni di Lira Tv , il candidato Michele Sarno ha commentato: “Rispetto a cinque anni fa l’amministrazione perde 20 punti percentuali. Non c’è da esultare ma da riflettere. Non esiste più un plebiscito bulgaro per Napoli e il suo staff. Questo significa che i salernitani sono stanchi e non apprezzano più clientelismi e favoritismi ai soliti. Se finisce cosi, ma attendiamo i voti delle periferie, faremo un opposizione seria ma dura. Non vedo festeggiamenti in città. Il vento sta cambiando.”

Ha commentato i risultati delle urne anche Elisabetta Barone: Un mese e mezzo fa non esistevamo, possiamo solo crescere. Napoli ha detto che noi siamo il nulla: non accorgersi di quello che sta accadendo in questa città è sciocco. Il nulla ha fatto rumore”.

Il candidato Antonio Cammarota (La Nostra Libertà) ha commentato: “Auguri al Sindaco. Vox populi, vox dei. Il dato elettorale non si discute ma si può commentare. Ha vinto Vincenzo De Luca che ha fatto la campagna elettorale in prima persona inaugurando una piazza molto importante dando così uno sprint immediato alla volata di Napoli”.

Cammarota ha concluso: Hanno vinto contro il nulla e nemmeno con numeri altissimi e questo significa qualcosa. C’è stato comunque un dato importante sull’affluenza che ha agevolato il sindaco uscente. Noi porteremo avanti le proposte avanzate in campagna elettorale. Ci batteremo affinché questa città abbia un assessorato al turismo per valorizzare la risorsa mare ed lavoro. Nelle nostre liste civiche c’è il consenso di quei cittadini che cercano chiarezza e trasparenza.”



Leggi anche:

 

Articoli correlati

Back to top button