Cronaca

Infermiere discriminato perché omosessuale: “Al Ruggi dialogo avviato”

Un infermiere dell'ospedale Ruggi d'Aragona di Salerno è stato discriminato in quanto omosessuale: l'incontro di Arcigay con la direzione generale

Un infermiere dell’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno è stato discriminato in quanto omosessuale. Lo aveva denunciato il quotidiano Il Mattino. Poco dopo la denuncia, l’Arcigay Salerno e la Fp Cgil Salerno, in una nota congiunta, rendono noto di aver avuto, nella mattinata di ieri, un incontro con la direzione generale del nosocomio salernitano.

Ruggi, infermiere discriminato perché omosessuale

“Il confronto è frutto della convocazione pervenuta dall’Azienda a seguito delle sollecitazioni pervenute dalle due organizzazioni, a partire dalla denuncia di presunta omofobia ai danni di un dipendente dell’Azienda Ospedaliera. Arcigay Salerno e Fp Cgil Salerno, rappresentati rispettivamente da Francesco Napoli e Antonio Capezzuto, in attesa delle determinazioni della magistratura sull’esito delle indagini in corso, hanno sollecitato la direzione generale sull’urgenza di una netta e chiara presa di posizione dell’Azienda sul tema delle discriminazioni sessuali“, si legge nella nota.

Ma, il dipendente in questione, non ci sta. 2Ho ripetutamente chiesto aiuto sia al sindacato che all’Arcigay – dice l’infermiere – ma non ho mai avuto alcuna risposta in merito. Ora si incontrano con la direzione sanitaria, alla quale io stesso ho più volte richiesto un incontro anche perché i miei dirigenti avevano avviato un procedimento amministrativo contro di me poi sospeso, e discutono a mia insaputa delle discriminazioni che ho subito. Devo apprendere tutto ciò da una nota stampa. Non credo che sia un comportamento corretto: non ho autorizzato nessuno a parlare del mio caso“.

L’incontro

Nel corso dell’incontro – si legge in un articolo de Il Mattino – sono state chieste azioni concrete e di sensibilizzazione del personale e dell’intera comunità ospedaliera.

Articoli correlati

Back to top button