Cronaca

Salerno. Ospedale Ruggi: tre donazioni di organi in contemporanea

SALERNO. Evento eccezionale all’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, dove il personale medico ha compiuto in contemporanea tre delicate operazioni rese possibili dalle donazioni organi di tre persone decedute.

Tre trapianti in 30 ore: la generosità delle famiglie dei donatori

Grazie a tre donazioni di organi, l’Unità Operativa Complessa di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi D’Aragona di Salerno ha potuto operare in contemporanea e con grande successo alcuni pazienti bisognosi di due donazioni multiorgano e di una di cornee. Dopo 30 ore consecutive di lavoro, il gruppo di lavoro del Coordinamento Donazioni d’Organo Aziendale e tutto il personale, medico e di comparto ha potuto disporre della generosità delle famiglie di tre persone anziane decedute a distanza di poche ore l’una dall’altra: si trattano di un 62enne, di un 74enne e di un 84enne.

L’importanza di quanto accaduto sta non solo nell’eccezionalità della contemporaneità delle donazioni, ma nella constatazione che, finalmente, la cultura della donazione sta prendendo piede in provincia di Salerno, e questo grazie anche ai processi di umanizzazione messi in atto che creano tra personale e parenti dei ricoverati in Rianimazione, una maggiore sinergia che può, poi, accompagnare i familiari o verso la felice guarigione del congiunto o nei percorsi più dolorosi.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button