Salerno, prostituta incinta a 17 anni e malata: gara di solidarietà per aiutarla

Una prostituta di 17 anni, incinta e affetta da una rara malattia, si era allontanata dal centro di accoglienza dove alloggiava. Gara di solidarietà

Una prostituta di 17 anni, incinta e affetta da una rara malattia, si era allontanata dal centro di accoglienza dove alloggiava. Gara di solidarietà per aiutarla.

Salerno, prostituta incinta e malata: salvata

Una 17enne, incinta e affetta da una malattia autoimmune, si era allontanata dal centro di accoglienza dove aveva trovato rifugio dopo essere stata costretta a prostituirsi come tante altre giovanissime nigeriane che, come lei, erano sbarcate in Italia con la speranza di scappare da una realtà di disperazione e miseria. Le operatrici della struttura salernitana insieme al suo tutore legale, l’avvocato Rosanna Carpentieri, avevano lanciato l’allarme anche attraverso «Chi l’ha visto?», ma avevano quasi perso le speranze di riabbracciarla.

Una storia a lieto fine: la ragazza, da Marsiglia, ha contattato la responsabile della struttura salernitana. Aveva partorito ed era stata ributtata sulla strada. Viveva in uno stato di promiscuità con altri stranieri e il suo bambino, non curato e denutrito, stava molto male.

È così scattata una staffetta umanitaria grazie all’Antitratta francese per far tornare la 17enne a Salerno; da Marsiglia a Ventimiglia, poi Genova e, infine Milano dove, ad aspettarla, ha trovato proprio la responsabile del centro salernitano che, ieri, l’ha riportata a «casa». La storia della giovanissima nigeriana, comincia un paio di anni fa quando la ragazza è arrivata sulle nostre coste attraverso uno dei tanti disperati sbarchi.

TAG