Cronaca

Ragazzo picchiato dai buttafuori: il locale condanna l’accaduto

SALERNO. I titolari del locale “Modo” di Salerno condannano l’accaduto degli addetti alla sicurezza e chiariscono la loro posizione tramite un post su Facebook.

“Immagini che non ci appartengono”: il “Modo” condanna i buttafuori che hanno picchiato il ragazzo

In merito al caso del ragazzo picchiato dai buttafuori presso il “Modo” di Salerno, arriva la comunicazione dei titolari del locale, i quali prendono le distanze dall’accaduto condannando il comportamento degli addetti alla sicurezza. Tuttavia, tramite un post sulla propria pagina Facebook, “Il Modo” chiarisce di aver subito un doppio danno di immagine non solo per il gesto dei buttafuori, ma anche per i danni materiali subiti dalla tenuta della vittima.

Di seguito, ecco il messaggio:

Ci dissociamo e condanniamo senza alcun dubbio l’operato e il comportamento degli addetti alla sicurezza, che ne risponderanno nelle sedi opportune.
Sottolineiamo che il locale è parte lesa due volte, non una.
Prima per aver subito danneggiamenti materiali, come si vede dalla foto e dalle immagini video, da un avventore che, visibilmente alterato, ha rischiato di ferire altri clienti e soprattutto dal comportamento inadeguato degli addetti alla sicurezza. E’ giusto il caso di precisare, che gli stessi non vengono scelti da noi, ma da una società di servizi nel rispetto delle credenziali e della autorizzazioni previste dalla legge.
Sono immagini che non ci appartengono e che non fanno parte della storia ultra decennale del “Modo”.
In tal senso tuteleremo la nostra immagine nelle sedi opportune.

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button