Politica

Salerno, i redditi di amministratori e politici. Quanto guadagnano sindaco, assessori e consiglieri?

Quanto guadagnano sindaco, assessori e consiglieri comunali di Salerno? Ecco i redditi del sindaco Vincenzo Napoli, degli assessori e dei consiglieri comunali. I redditi sono stati acquisiti dal sito ufficiale del Comune e dall’amministrazione trasparente.

Quanto guadagnano sindaco, assessori e consiglieri di Salerno?

Tutti gli attuali amministratori in carica hanno pubblicato sul sito ufficiale del Comune di Salerno i i propri dati reddituali aggiornati. Il sindaco Vincenzo Napoli, la giunta ed il consiglio comunale, hanno reso noti tutti i dati reddituali risalenti alle annualità del loro mandato.

Comune di Salerno: i redditi degli amministratori

  • Vincenzo Napoli (sindaco):
    • Reddito 2017: 69.066 euro
    • Reddito 2016: 79.294 euro
    • Reddito 2015: 77.293 euro
  • Eva Avossa (vicesindaco):
    • Reddito 2017: 60.458 euro
    • Reddito 2016: 55.283 euro
    • Reddito 2015: 51.252 euro
    • Reddito 2014: 58.169 euro
    • Reddito 2013: 58.615 euro
    • Reddito 2012: 58.169 euro
    • Reddito 2011: 58.615 euro
    • Reddito 2010: 58.615 euro
    • Reddito 2009: 58.615 euro
    • Reddito 2008: 58.615 euro
  • Angelo Caramanno (assessore):
    • Reddito 2017: 131.979 euro
    • Reddito 2016: 111.080 euro
    • Reddito 2015: 105.407 euro
    • Reddito 2014: 93.708 euro
    • Reddito 2013: 100.972 euro
    • Reddito 2012: 97.260 euro
    • Reddito 2011: 60.280 euro
    • Reddito 2010: 67.806 euro
    • Beni immobili: 3 fabbricati e un 1 terreno
  • Luigi Carmelo Della Greca (assessore):
    • Reddito 2017: 89.889 euro
    • Reddito 2016: 88.772 euro
  • Gaetana Falcone (assessore):
    • Reddito 2017: 45.725 euro
    • Reddito 2016: 42.625 euro
    • Reddito 2015: 33.299 euro
  • Mariarita Giordano (assessore):
    • Reddito 2017: 44.893 euro
    • Reddito 2016: 28.316 euro
    • Reddito 2015: 5.592,05 euro
  • Dario Loffredo (assessore):
    • Reddito 2017: 44.893 euro
    • Reddito 2016: 49.576 euro
    • Reddito 2015: 42.283 euro
    • Reddito 2014: 40.798 euro
    • Reddito 2013: 37.457 euro
  • Domenico De Maio (assessore):
    • Reddito 2017: 48.970 euro
    • Reddito 2016: 58.175 euro
    • Reddito 2015: 53.753 euro
    • Reddito 2014: 54.920 euro
    • Reddito 2013: 57.252 euro
    • Reddito 2012: 53.847 euro
    • Reddito 2011: 54.923 euro
    • Reddito 2010: 55.241 euro
    • Reddito 2008: 54.221 euro
  • Giovanni Savastano (assessore):
    • Reddito 2017: 44.580 euro
    • Reddito 2016: 50.413 euro
    • Reddito 2015: 50.413 euro
    • Reddito 2014: 50.413 euro
    • Reddito 2013: 40.413 euro
  • Alessandro Ferrara (presidente del consiglio comunale):
    • Reddito 2017: 56.531 euro
    • Reddito 2016: 52.052 euro
    • Reddito 2015: 51.373 euro
    • Reddito 2014: 51.738 euro
    • Reddito 2013: 56.266 euro
    • Reddito 2012: 54.268 euro
    • Reddito 2011: 49.460 euro
    • Reddito 2010: 44.530 euro
  • Ciro Russomando (vicepresidente del consiglio comunale):
    • Reddito 2017: 102.251 euro
    • Reddito 2016: 90.135 euro
    • Reddito 2015: 88.139 euro
  • Antonio Carbonaro (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 12.308 euro
    • Reddito 2016: 2.322,20 euro
    • Reddito 2015: pensione di invalidità militare
  • Giuseppe Ventura (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 35.698 euro
    • Reddito 2016: 23.429 euro
    • Reddito 2015: 19.661,99 euro
  • Antonio D’Alessio (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 37.121 euro
    • Reddito 2016: 44.507 euro
    • Reddito 2015: 69.045 euro
    • Reddito 2014: 68.684 euro
    • Reddito 2013: 60.654 euro
    • Reddito 2012: 60.348 euro
    • Reddito 2011: 35.936 euro
    • Reddito 2010: 21.884 euro
  • Pasqualina Memoli (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 84.344 euro
    • Reddito 2016: 68.524 euro
    • Reddito 2015: 88.290 euro
    • Reddito 2014: 90.780 euro
    • Reddito 2013: 87.997 euro
    • Reddito 2012: 89.949 euro
    • Reddito 2011: 86.350 euro
    • Reddito 2010: 77.140 euro
  • Felice Santoro (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 50.060 euro
    • Reddito 2016: 43.276 euro
    • Reddito 2015: 56.030 euro
    • Reddito 2014: 57.203 euro
    • Reddito 2013: 57.958 euro
    • Reddito 2012: 57.573 euro
  • Corrado Naddeo (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 75.574 euro
    • Reddito 2016: 70.348 euro
    • Reddito 2015: 67.969 euro
    • Beni mobili registrati: 1 barca
  • Horace Di Carlo (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 41.541 euro
    • Reddito 2016: 39.306 euro
    • Reddito 2015: 55.160 euro
    • Reddito 2014: 63.750 euro
    • Reddito 2013: 70.386 euro
    • Reddito 2012: 62.709 euro
  • Donato Pessolano (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 25.859 euro
    • Reddito 2016: 25.226 euro
    • Reddito 2015: 25.282 euro
  • Domenico Mazzeo (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 37.909 euro
    • Reddito 2016: 35.670 euro
    • Reddito 2015: 46.226 euro
    • Reddito 2014: 46.458 euro
    • Reddito 2013: 42.374 euro
    • Reddito 2012: 51.981 euro
  • Paola De Roberto (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 28.891 euro
    • Reddito 2016: 27.430 euro
    • Reddito 2015: 28.519 euro
  • Fabio Polverino (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 13.695 euro
    • Reddito 2016: 27.687 euro
    • Reddito 2015: 3.470 euro
  • Pietro Damiano Stasi (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 16.896 euro
    • Reddito 2016: 27.275 euro
    • Reddito 2015: 13.822 euro
    • Reddito 2014: 41.074 euro
    • Reddito 2013: 37.259 euro
    • Reddito 2012: 37.939 euro
    • Reddito 2011: 14.220 euro
    • Beni immobili: 1 fabbricato al 50%
  • Leonardo Gallo (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 28.463 euro
    • Reddito 2016: 28.463 euro
    • Reddito 2015: 16.945 euro
  • Luca Sorrentino (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 45.330 euro
    • Reddito 2016: 27.787 euro
    • Reddito 2015: 46.572 euro
    • Reddito 2014: 45.420 euro
    • Reddito 2013: 45.793 euro
    • Reddito 2012: 45.993 euro
  • Ermanno Guerra (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 39.709 euro
    • Reddito 2016: 28.042 euro
    • Reddito 2015: 52.243 euro
    • Reddito 2014: 52.964 euro
    • Reddito 2013: 55.322 euro
    • Reddito 2012: 58.380 euro
    • Reddito 2011: 60.611 euro
    • Reddito 2010: 59.135 euro
    • Reddito 2009: 55.735 euro
    • Reddito 2008: 60.972 euro
  • Antonio Fiore (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 9.568 euro
    • Reddito 2016: 3.039 euro
    • Reddito 2015: 10.207 euro
  • Rosa Scannapieco (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 26.824 euro
    • Reddito 2016: 26.821 euro
    • Reddito 2015: 44.594 euro
    • Reddito 2014: 44.408 euro
    • Reddito 2013: 45.839 euro
    • Reddito 2012: 46.005 euro
    • Reddito 2010: 28.548,03 euro
  • Lucia Mazzotti (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 31.853 euro
    • Reddito 2016: 15.952 euro
    • Reddito 2015: 7.645 euro
    • Beni mobili registrati: 1 auto
  • Sara Petrone (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 10.108 euro
    • Reddito 2016: 2.834 euro
    • Reddito 2015: 16.601 euro
  • Rocco Galdi (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 40.081 euro
    • Reddito 2016: 30.789 euro
    • Reddito 2015: 29.845 euro
    • Reddito 2014: 51.331 euro
    • Reddito 2013: 48.462euro
    • Reddito 2012: 65.737 euro
    • Reddito 2011: 64.636 euro
    • Beni immobili: 1 appartamento al 50%
  • Eugenio Stabile (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 181.709 euro
    • Reddito 2016: 172.560 euro
    • Reddito 2015: 200.351 euro
    • Beni immobili: 1 ufficio al 50%
  • Massimiliano Natella (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 20.288 euro
    • Reddito 2016: 20.211 euro
    • Reddito 2015: 20.597 euro
  • Paolo Ottobrino (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 32.105 euro
    • Reddito 2016: 3.040 euro
    • Reddito 2015: 854 euro
    • Beni mobili registrati: 1 auto
  • Veronica Mondany (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 8.640 euro
    • Reddito 2016: 1.809,95 euro
    • Reddito 2015: 0 euro
  • Giovanni Lambiase (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 53.605 euro
    • Reddito 2016: 42.948 euro
    • Reddito 2015: 38.584 euro
  • Dante Santoro (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 17.549 euro
    • Reddito 2016: 4.798 euro
    • Reddito 2015: 0 euro
  • Roberto Celano (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 61.223 euro
    • Reddito 2015: 45.722 euro
    • Reddito 2015: 52.630 euro
    • Reddito 2013: 67.347 euro
    • Reddito 2012: 93.350 euro
    • Reddito 2011: 103.391 euro
    • Reddito 2010: 92.286 euro
    • Reddito 2008: 47.528 euro
  • Antonio Cammarota (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 99.239 euro
    • Reddito 2016: 64.487 euro
    • Reddito 2015: 84.958 euro
    • Reddito 2014: 51.579 euro
    • Reddito 2013: 80.201 euro
    • Reddito 2012: 155.184 euro
    • Reddito 2011: 129.108 euro
    • Reddito 2010: 88.071 euro
    • Beni immobili: 1 fabbricato (usufrutto)
  • Giuseppe Zitarosa (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 60.120 euro
    • Reddito 2016: 54.809 euro
    • Reddito 2015: 49.807 euro
    • Reddito 2014: 54.388 euro
    • Reddito 2013: 56.674 euro
    • Reddito 2012: 58.722 euro
    • Reddito 2011: 39.875 euro
    • Reddito 2010: 47.903 euro
    • Reddito 2008: 64.497 euro
  • Domenico Ventura (consigliere comunale):
    • Reddito 2017: 31.864 euro
    • Reddito 2016: 27.535 euro
    • Reddito 2015: 35.690 euro
    • Reddito 2014: 34.605 euro
    • Reddito 2013: 32.705 euro
    • Reddito 2012: 33.650 euro
    • Reddito 2009: 34.046 euro

Perché è obbligatorio pubblicare i redditi dei titolari di incarichi politici?

Riferimento normativo:

Art. 13, c. 1, lett. a), d.lgs. n. 33/2013
Organi di indirizzo politico e di amministrazione e gestione, con l’indicazione delle rispettive competenze

Delibera ANAC numero 641 del 14 giugno 2017
Modificazione ed integrazione della Delibera n. 241 del 8 marzo 2017 “Linee guida recanti indicazioni sull’attuazione dell’art. 14 del d.lgs. 33/2013 «Obblighi di pubblicazione concernenti i titolari di incarichi politici, di amministrazione, di direzione o di governo e i titolari di incarichi dirigenziali» come modificato dall’art. 13 del d.lgs. 97/2016.” relativamente all'”Assemblea dei Sindaci” e al “Consiglio provinciale”

Titolari di incarichi di amministrazione, di direzione o di governo di cui all’art. 14, co. 1-bis, del dlgs n. 33/2013 se non attribuiti a titolo gratuito

Art. 14, c. 1, lett. a),b),c),d),e)  d.lgs. n. 33/2013
Atto di nomina con l’indicazione della durata dell’incarico o del mandato elettivo

Curriculum vitae

Compensi di qualsiasi natura connessi all’assunzione della carica

Importi di viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici

Dati relativi all’assunzione di altre cariche, presso enti pubblici o privati, e relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti

Altri eventuali incarichi con oneri a carico della finanza pubblica e indicazione dei compensi spettanti

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 2, c. 1, punto 1, l. n. 441/1982
1) dichiarazione concernente diritti reali su beni immobili e su beni mobili iscritti in pubblici registri, titolarità di imprese, azioni di società, quote di partecipazione a società, esercizio di funzioni di amministratore o di sindaco di società, con l’apposizione della formula «sul mio onore affermo che la dichiarazione corrisponde al vero» [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso) e riferita al momento dell’assunzione dell’incarico]

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 2, c. 1, punto 2, l. n. 441/1982
2) copia dell’ultima dichiarazione dei redditi soggetti all’imposta sui redditi delle persone fisiche [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso)] (NB: è necessario limitare, con appositi accorgimenti a cura dell’interessato o della amministrazione, la pubblicazione dei dati sensibili)

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 2, c. 1, punto 3, l. n. 441/1982
3) dichiarazione concernente le spese sostenute e le obbligazioni assunte per la propaganda elettorale ovvero attestazione di essersi avvalsi esclusivamente di materiali e di mezzi propagandistici predisposti e messi a disposizione dal partito o dalla formazione politica della cui lista il soggetto ha fatto parte, con l’apposizione della formula «sul mio onore affermo che la dichiarazione corrisponde al vero» (con allegate copie delle dichiarazioni relative a finanziamenti e contributi per un importo che nell’anno superi 5.000 €)

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 3, l. n. 441/1982

4) attestazione concernente le variazioni della situazione patrimoniale intervenute nell’anno precedente e copia della dichiarazione dei redditi [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso)]

Titolari di incarichi di amministrazione, di direzione o di governo di cui all’art. 14, co. 1-bis, del dlgs n. 33/2013

Art. 14, c. 1, lett. a), d.lgs. n. 33/2013
Atto di nomina o di proclamazione, con l’indicazione della durata dell’incarico o del mandato elettivo

Art. 14, c. 1, lett. b), d.lgs. n. 33/2013
Curriculum vitae

Art. 14, c. 1, lett. c), d.lgs. n. 33/2013
Compensi di qualsiasi natura connessi all’assunzione della carica

Importi di viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici

Art. 14, c. 1, lett. d), d.lgs. n. 33/2013
Dati relativi all’assunzione di altre cariche, presso enti pubblici o privati, e relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti

Art. 14, c. 1, lett. e), d.lgs. n. 33/2013
Altri eventuali incarichi con  oneri a carico della finanza pubblica e indicazione dei compensi spettanti

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 2, c. 1, punto 1, l. n. 441/1982
1) dichiarazione concernente diritti reali su beni immobili e su beni mobili iscritti in pubblici registri, titolarità di imprese, azioni di società, quote di partecipazione a società, esercizio di funzioni di amministratore o di sindaco di società, con l’apposizione della formula «sul mio onore affermo che la dichiarazione corrisponde al vero» [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso) e riferita al momento dell’assunzione dell’incarico]

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 2, c. 1, punto 2, l. n. 441/1982
2) copia dell’ultima dichiarazione dei redditi soggetti all’imposta sui redditi delle persone fisiche [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso)] (NB: è necessario limitare, con appositi accorgimenti a cura dell’interessato o della amministrazione, la pubblicazione dei dati sensibili)

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 2, c. 1, punto 3, l. n. 441/1982
3) dichiarazione concernente le spese sostenute e le obbligazioni assunte per la propaganda elettorale ovvero attestazione di essersi avvalsi esclusivamente di materiali e di mezzi propagandistici predisposti e messi a disposizione dal partito o dalla formazione politica della cui lista il soggetto ha fatto parte, con l’apposizione della formula «sul mio onore affermo che la dichiarazione corrisponde al vero» (con allegate copie delle dichiarazioni relative a finanziamenti e contributi per un importo che nell’anno superi 5.000 €)

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 3, l. n. 441/1982
4) attestazione concernente le variazioni della situazione patrimoniale intervenute nell’anno precedente e copia della dichiarazione dei redditi [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso)]

Cessati dall’incarico (documentazione da pubblicare sul sito web)

Art. 14, c. 1, lett. a), d.lgs. n. 33/2013
Atto di nomina, con l’indicazione della durata dell’incarico

Art. 14, c. 1, lett. b), d.lgs. n. 33/2013
Curriculum vitae

Art. 14, c. 1, lett. c), d.lgs. n. 33/2013
Compensi di qualsiasi natura connessi all’assunzione della carica

Importi di viaggi di servizio e missioni pagati con fondi pubblici

Art. 14, c. 1, lett. d), d.lgs. n. 33/2013
Dati relativi all’assunzione di altre cariche, presso enti pubblici o privati, e relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti

Art. 14, c. 1, lett. e), d.lgs. n. 33/2013
Altri eventuali incarichi con  oneri a carico della finanza pubblica e indicazione dei compensi spettanti

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 2, c. 1, punto 2, l. n. 441/1982
1) copie delle dichiarazioni dei redditi riferiti al periodo dell’incarico;
2) copia della dichiarazione dei redditi successiva al termine dell’incarico o carica, entro un mese dalla scadenza del termine di legge per la presentazione della dichiarazione [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso)] (NB: è necessario limitare, con appositi accorgimenti a cura dell’interessato o della amministrazione, la pubblicazione dei dati sensibili)

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 2, c. 1, punto 3, l. n. 441/1982
3) dichiarazione concernente le spese sostenute e le obbligazioni assunte per la propaganda elettorale ovvero attestazione di essersi avvalsi esclusivamente di materiali e di mezzi propagandistici predisposti e messi a disposizione dal partito o dalla formazione politica della cui lista il soggetto ha fatto parte con riferimento al periodo dell’incarico (con allegate copie delle dichiarazioni relative a finanziamenti e contributi per un importo che nell’anno superi 5.000 €)

Art. 14, c. 1, lett. f), d.lgs. n. 33/2013 Art. 4, l. n. 441/1982
4) dichiarazione concernente le variazioni della situazione patrimoniale intervenute dopo l’ultima attestazione [Per il soggetto, il coniuge non separato e i parenti entro il secondo grado, ove gli stessi vi consentano (NB: dando eventualmente evidenza del mancato consenso)]

Cosa succede se non si pubblicano i dati? Le sanzioni

L’art 437 del  dlgs n. 97 /16 è intervenuto modificato l’art 46 del dlgs 33/2013 precisando che “l’inadempimento degli obblighi di pubblicazione previsti dalla normativa vigente e il rifiuto, il differimento e la limitazione dell’accesso civico, al di fuori delle ipotesi previste dall’articolo 5-bis, costituiscono elemento di valutazione della responsabilità dirigenziale, eventuale causa di responsabilità per danno all’immagine dell’amministrazione e sono comunque valutati ai fini della corresponsione della retribuzione di risultato e del trattamento accessorio collegato alla performance individuale dei responsabili.

Inoltre l’art. 36 della stessa legge modificando la disciplina dell’art 45 del D. Lgs.  n. 33/2013  , attribuisce ad “Anac un potere di ordine al corretto e tempestivo assolvimento degli obblighi di pubblicazione”.  Infatti  ove l’Auorità rilevi la mancata pubblicazione di atti, documenti e informazioni, ne ordina la relativa pubblicazione entro 30 giorni. Il mancato adempimento costituisce illecito disciplinare. Anac segnala l’inottemperanza all’Ufficio per i procedimenti disciplinari nonché alla Corte dei conti, ove ravvisi anche altri profili di responsabilità.

La mancata pubblicazione di tutti gli incarichi, esterni e interni, nella sezione “Amministrazione Trasparente” dell’Ente, determina l’applicazione delle sanzioni per l’avvenuta erogazione dell’indennità di risultato ai dirigenti responsabili del conferimento degli incarichi. È quanto affermato dalla Corte dei Conti con sentenza n.185/2018, la quale continua affermando che il danno discende «dalla violazione gravemente colposa di un preciso obbligo normativo, vigente all’epoca in cui la condotta è stata posta in essere, cui è conseguita una spesa indebita per l’ente locale».

Per eventuali errori, comunicazioni o segnalazioni, scrivere a direttore@occhionotizie.it

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto