Cronaca

Ristoratore salernitano si incatena all’ingresso del suo locale

La denuncia sui social "Vi state prendendo le nostre vite"

Dopo l’ultima ordinanza del Governatore della Campania, che limita gli orari di bar e ristoranti, i lavoratori del comparto sono in allarme. Le perdite, secondo gli addetti ai lavori, sarebbero enormi e si rischia di chiudere, non per il lockdown, ma per la mancanza di lavoro.

Da Salerno arriva la protesta di un ristoratore, il direttore della Sala Varese 1930, che si è incatenato all’ingresso del suo locale, e ha postato l’immagine sui social, per puntare i riflettori sulla situazione degli operatori del settore, strozzati da queste nuove regole che rischiano di far andare in sofferenza l’intero indotto.

Salerno, il direttore della Sala Varese incatenato per protesta


salerno-ristoratore-sala-varese-incatenato-protesta


La nuova ordinanza del Presidente della Regione Campania De Luca per le attività dei ristorazione, pizzerie e bar, che limita le attività alle 24 con servizio al tavolo, e fino alle 21 in assenza di servizio al tavolo, ha scatenato l’ira dei lavoratori del settore, che si sentono abbandonati e non considerati. La stretta sugli orari delle attività di ristorazione rischia di mettere in ginocchio un comparto già duramente colpito dalla pandemia, e già nei mesi scorsi molti ristoratori avevano protestato, in diverse città italiane, con flash mob e manifestazioni.

La protesta

All’indomani della nuova ordinanza, il direttore di uno dei ristoranti storici di Salerno, la Sala Varese 1930, ha inscenato la sua protesta, e l’ha poi condivisa sui social.

Limite a feste e ricevimenti

A contribuire alla crisi del settore anche le ultime direttive, emanate dalla Regione ieri sera, che limitano le presenze per feste e ricevimenti ai soli familiari conviventi. Decine i messaggi di solidarietà sotto il post di questo ristoratore, la maggior parte da altri operatori del settore, che invitano tutti ad unirsi contro queste norme ingiuste, e che stanno uccidento tutto il comparto.

Scuole chiuse: De Luca non arretra

Ma De Luca non mollerà tanto facilmente, nelle ultime ore sta ricevendo critiche dal Governo e dalla ministra Azzolina, in merito alla decisione di chiudere le scuole, e a tutte le recriminazioni ha risposto punto per punto, senza arretrare di un millimetro. Anche in questo caso di certo manterrà il punto.


 

Vi siete presi l’ultimo briciolo di dignità!

Non ci siamo mai arresi di fronte a nulla, ma con questo vi state prendendo le nostre vite!

Pubblicato da Francesco Ciccio Costantino su Giovedì 15 ottobre 2020

 


 

Articoli correlati

Back to top button