Cronaca

Scandalo pedofilia a Cetara, finisce l’incubo di Zaccaria e Vincenzo Avallone

Finisce l’incubo dello scandalo pedofilia a Cetara. Nove anni dopo gli arresti che sconvolsero il come di Cetara, la Cassazione ha stabilito che le misure cautelai adottate nei confronti di Zaccaria e Vincenzo Vallone furono frutto di un errore giudiziario.

Scandalo pedofilia a Cetara, il lieto fine

Padre e figlio avranno dunque diritto ad un risarcimento per ingiusta detenzione. Un risarcimento già concesso dalla Corte d’Appello di Salerno e al quale s’erano opposti gli inquirenti per ben due volte con un’impugnazione che ora la Cassazione ha rigettato.

La vicenda

Nel gennaio del 2010 il comune della provincia di Salerno fu sconvolto dalla vicenda legata ad una ipotesi di un aberrante giro pedopornografico. Gli Avallone finirono in carcere per 248 giorni con l’accusa di aver violentato una ragazzina già dall’infanzia. Rispettivamente figlia e sorella, allora era poco meno che tredicenne.

Furono poi coinvolti presunti complici ipotizzando così un traffico di video di natura pornografica e violenze anche su altri minori. Solo nel luglio del 2016 la Procura ha chiuso il fascicolo formulando richiesta di archiviazione che fu immediatamente accolta dal giudice delle indagini preliminari. Intanto la famiglia aveva perso le tracce della ragazza, ormai maggiorenne, la quale fu affidata prima ad una insegnante e poi ad una struttura di accoglienza.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto