Salerno, skipper disperso: è il nipote del politico Pino Acocella

disperso

A Salerno, cresce sempre di più il dramma dello skipper disperso nei Caraibi: è il nipote del noto politico e docente Pino Acocella

A Salerno, cresce sempre di più il dramma dello skipper disperso nei Caraibi: è il nipote del noto politico e docente Pino Acocella.

Dramma per Pino Acocella: lo skipper disperso è suo nipote

Doveva raggiungere la Colombia dopo essere partito, lo scorso 17 giugno, da Saint Martin, nei Caraibi. Dramma in casa Acocella, nota famiglia salernitana.

Ormai da diversi giorni non si hanno più notizie di Rocco, figlio di Alberto e nipote di Pino Acocella, docente dell’Università Federico II di Napoli e volto noto della politica locale.

A lanciare l’allarme, anche tramite i canali social per chiedere massima condivisione, la sorella Elisabetta: «Rocco Acocella è partito a bordo di questa imbarcazione (il cui nome è Trinavis) il 17 giugno da Saint Martin (Caraibi) diretta verso il porto di Barranquilla (Colombia). Da quel momento non si sono più avute sue notizie. Dal giorno sabato 29 giugno risulta disperso. Abbiamo avvertito tutte le autorità competenti».

La famiglia Acocella già durante il viaggio a bordo dell’imbarcazione che il giovane aveva fittato perché non voleva prendere l’aereo, non aveva ricevuto alcuna notizia dal giovane salernitano. L’allarme è scattato il giorno in cui era previsto il suo arrivo, il 29 giugno per l’appunto.

La famiglia ha infatti prontamente avvertito la Farnesina, il Consolato francese e le autorità italiane competenti che si sono attivate nell’immediato e ancora oggi sono sulle tracce del giovane skipper dispero. Preoccupazione l’aveva espressa, nei giorni precedenti, anche la ditta che ha affittato l’imbarcazione a Rocco: il 29 avrebbe dovuto consegnare il catamarano ma di lui nessuna traccia.

Al momento le attività competenti, costantemente in contatto con la famiglia che non si sa se ha già raggiunto o meno la Colombia, sono ancora a lavoro: le ricerche sono concentrate, maggiormente, nell’area costiera di Barranquilla, in Colombia.


Erika Noschese

TAG