Cronaca

Salerno, spaccia mentre è ai domiciliari: condannato

Detenuto ai domiciliari per violenza sessuale spaccia crack e cocaina. Il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Salerno, Alfonso Scermino, ha inflitto a D. Caramico 40 anni, di Salerno la condanna a 4 anni di reclusione e il pagamento di un’ammenda di 14mila euro. L’uomo, difeso da Giovanni Fava, aveva scelto di essere giudicato con il rito dell’abbreviato.

Spaccia mentre è ai domiciliari: condannato a 4 anni di reclusione

Il pubblico ministero al termine della requisitoria aveva chiesto la condanna a 6 anni di reclusione oltre al pagamento di una sanzione pari a 26mila euro. I fatti risalgono al settembre del 2018, quando i carabinieri della compagnia di Salerno procedettero ad una perquisizione dell’abitazione in cui D. Caramico era ristretto al regime degli arresti domiciliari. L’imputato viveva con il fratello A. e con la madre.

La perquisizione

A seguito della perquisizione, i militari, nella stanza di D.Caramico rinvennero numerosi “pallini” di crack e di cocaina dalle quali sarebbe stato possibile ricavare numerose dosi. Inoltre, furono rinvenuti dei fogli con sopra appuntati nomi e cifre. L’uomo per difendersi affermò che la sostanza stupefacente era del fratello.

Cosa questa che successivamente confermò anche il congiunto. Il rinvenimento della droga nella sua stanza costò a D. Caramico la revoca del beneficio dei domiciliari. Infatti, ammanettato fu trasferito nel carcere di Vallo della Lucania.

La condanna

Contestualmente fu arrestato anche il fratello A. Questi ha sempre scagionato il fratello D. dicendo che lo stesso lo aiutava nell’attività solamente quando lui era impossibilitato. Stessa cosa affermò D. durante l’interrogatorio di convalida. L’imputato inoltre, pare si occupasse anche della contabilità relativa alla cessione dello stupefacente agli abituali assuntori. Ieri è arrivata la condanna.


Fonte: Le Cronache

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio