Cronaca

Salerno, stalking e minacce: 8 persone a rischio processo

Salerno, 29enne vittima di stalking: in 8 rischiano il processo. Tra gli indagati, c'è anche Aniello Califano

Salerno, 29enne vittima di stalking: in 8 rischiano il processo. Tra gli indagati, c’è anche Aniello Califano, il 38enne di Bracigliano rimasto ferito da Vincenzo Ansalone la sera dell’omicidio di Vincenzo Salvati.

In 8 a rischio processo per stalking

Stalking, aggressioni, pedinamenti e minacce:gli indagati risiedono tra Bracigliano, Nocera Inferiore e Mercato San Severino. Tra le parti offese c’è anche un’amica della vittima, di un anno più piccola.

Il tutto ebbe inizio nel 2015 quando la 29enne fu aggredita dalla compagna dell’ex marito di una sua parente. La vittima batté la testa su di una parete, riportando ferite guaribili in dieci giorni. Da lì, vi sarebbero stati una serie di episodi, attribuiti a seconda delle circostanze, ai vari indagati, che ora sono attesi dal vaglio del gip in udienza preliminare.

Pochi giorni dopo ci fu una nuova aggressione a Fisciano ai danni della vittima, con tanto di minacce di morte. A finirci di mezzo anche l’amica della 29enne, che era in sua compagnia.

L’aggressione a Mercato San Severino

Una nuova aggressione, come riporta il Mattino, si consumò all’esterno di un locale a Mercato San Severino. Le due ragazze furono braccate da alcuni degli indagati erano in loro attesa. Tra questi, vi erano anche le persone che avevano aggredito la ragazza giorni prima. Le due furono costrette a chiudersi in bagno, per poi chiamare i carabinieri e farsi scortare a casa.

Dall’esterno, il gruppo fece arrivare alle due minacce molto pesanti. Califano, oltre che di stalking, risponde anche del possesso di una pistola e dell’esplosione di un colpo per strada. Altri due, invece, rispondono dell’incendio del cancello d’ingresso di casa della ragazza, mentre altri quattro di un’ulteriore accusa di stalking.

All’origine di quei comportamenti vi sarebbero stati futili motivi, riconducibili ad una relazione avuta dalla vittima.

Articoli correlati

Back to top button