Cronaca

Attimi di paura a Salerno: uomo colto da malore, corsa in ospedale

Immediato l'arrivo sul posto dei sanitari del 118

Attimi di paura a Salerno dove un uomo è stato colto da un malore in pieno giorno. È accaduto nella mattinata di oggi, mercoledì 7 dicembre, in piazza Casalbore. Un anziano si trovava nei pressi della pensilina degli autobus quando è stato colto da un improvviso malore come riportato da SalernoToday.

Salerno, uomo colto da malore: paura in centro

Immediato l’arrivo sul posto dei sanitari del 118 i quali hanno trasferito l’anziano all’ospedale Ruggi di Salerno. Sono ignote le condizioni di salute dell’uomo protagonista dell’episodio che fa seguito a quello di ieri, quando due uomini sono morti nel giro di pochi minuti tra corso e lungomare.

Salerno, due uomini morti di infarto in centro: il caso

Salerno scoppia il caso defibrillatori dopo il doppio dramma di ieri: due uomini sono morti di infarto, nel giro di dieci minuti e a pochi metri di distanza l’uno dall’altro. È accaduto nella giornata di martedì 6 dicembre, quando a perdere la vita sono stati un runner di 56 anni ed un uomo di 61 anni come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Salerno, due uomini morti di infarto in centro: il caso

La dinamica è stata simile: entrambi si sono accasciati a terra, morendo. Il primo, un runner di 56 anni, stava correndo sul lungomare quando a mezzogiorno circa si è sentito male. Sul posto sono intervenute due ambulanze, ma i sanitari non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso.

Successivamente, è arrivata la chiamata di soccorso per un uomo caduto a terra all’incrocio con via Velia, sotto gli occhi di bambini, turisti e residenti. Erano le 12.15 circa, e anche in questo caso gli operatori sanitari hanno dovuto constatare il decesso dell’uomo.

La polemica defibrillatori

In seguito al doppio dramma, è arrivata la nota ufficiale dell’U.Di.Con che ha sottolineato l’importanza di dotare i luoghi pubblici di defibrillatori: “Riteniamo necessario installare gli apparecchi salvavita in piazze e luoghi strategici tali da essere facilmente raggiungibili e identificabili in caso di malori improvvisi. Naturalmente a tutto ciò deve corrispondere un’adeguata preparazione all’utilizzo di tali strumenti di personale ad hoc, in primis gli agenti di polizia municipale che, in attesa dell’arrivo del 118, possano dare i primi soccorsi salvavita”.

Articoli correlati

Back to top button