Cronaca

Salerno, via San Giovanni Bosco invasa dai piccioni: la denuncia dei residenti

Salerno, via San Giovanni Bosco invasa dai piccioni: la denuncia dei residenti attraverso un video e foto-reportage di una residente. Ne è emersa una situazione di totale degrado in via San Giovanni Bosco, strada molto frequentata da giovani e a pochi passi dal Corso cittadino. L’intera strada, infatti, è diventata una colonia di piccioni dove il degrado subentra all’invivibilità tra cattivi odori e veri e propri depositi di guano ed escrementi.

Degrado a Salerno: invasione di piccioni in via San Giovanni Bosco


salerno-via-san-giovanni-piccioni

 

La presenza di piccioni e colombi in città ha assunto negli ultimi anni dimensioni considerevoli. Il loro sviluppo indiscriminato ha comportato numerosi problemi tra i quali si possono citare la corrosione di monumenti, l’imbrattamento di edifici, il fastidio nei confronti dei passanti e dei residenti. Oltre a queste forme di molestia si deve però considerare un ben più grave problema di ordine igienico-sanitario.

Una donna amante dei piccioni

Secondo molte testimonianze dei residenti, la colpevole di questa situazione sarebbe una donna anziana il cui amore per i piccioni, a quanto pare, è andato oltre il limite e dura da più di una decina di anni. Mattina, pomeriggio e cena, i volatili godono di pensione completa e il marciapiede, inutile dirlo, è completamente deteriorato dalla sporcizia.

Una situazione grave

“La gravità è realmente importante, ma soprattutto insopportabile, poiché è venuta a crearsi una penosa, quanto pericolosa, situazione urbana portandola addirittura all’esasperazione“, dichiara una cittadina. “Non possiamo più aprire il nostro balcone per il fetore degli escrementi dei piccioni”, le fa eco un suo condomino.

Nessun dialogo

“La situazione ormai è insostenibile. Abbiamo più volte provato a parlare con la signora ma non ha mai voluto ascoltarci. Lo stesso è avvenuto con i carabinieri e con i vigili, ci hanno lasciato da soli. Andremo presto nuovamente alla Asl, conclude un dirimpettaio.

Articoli correlati

Back to top button