Salerno: visite private con strumentazione dell’Università, nei guai medico universitario e la sua infermiera

salerno-indennita-restituire-medico-dimissioni

Effettuava visite private con strumentazione di proprietà dell'Università di Salerno riscuotendo i compensi a nero. Arrestati un medico e la sua infermiera

Effettuava visite private con strumentazione di proprietà dell’Università di Salerno e riscuotendo i compensi a nero. Nei guai  F.A.S., professore ordinario della Facoltà di Medicina e Chirurgia e dirigente medico dell’Azienda ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, e la sua infermiera. I due sono stati arrestati e posti in regime di arresti domiciliari e dovranno rispondere dei reati di peculato, falso e abuso d’ufficio in concorso.

Visite private con strumentazione dell’ateneo di Salerno, nei guai un medico professore e la sua infermiera

I Carabinieri del Nas di Salerno hanno eseguito due misure cautelari nei confronti F.A.S., professore ordinario della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Salerno e dirigente medico dell’Azienda ospedaliera “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno, in servizio all’ospedale Fucito di Mercato San Severino, e di F.D., coordinatrice infermieristica e dipendente dell’Azienda ospedaliera. I due devono rispondere, nelle loro qualità di pubblico ufficiale e di incaricato di pubblico servizio, dei reati di peculato, falso e abuso d’ufficio in concorso.

Dalle indagini, coordinate dalla Procura di Nocera Inferiore ed eseguite dai militari del Nas di Salerno, è emerso che il professore si è ripetutamente appropriato di strumentazione di proprietà dell’ateneo, utilizzata per eseguire visite specialistiche in regime privatistico e attività professionale intramuraria.

Inoltre, avrebbe programmato le visite ai pazienti mediante contatto diretto, evitando così agli stessi di effettuare le prenotazioni al Cup, riscuotendo i compensi senza versare all’ente di appartenenza la quota spettante. F.D., coordinatrice infermieristica dell’ospedale “Fucito” di Mercato San Severino, autorizzata a gestire l’accesso alle prenotazioni dei pazienti da sottoporre a visita o a intervento chirurgico, avrebbe stravolto la lista d’attesa favorendo amici e altri pazienti, consentendo loro di essere visitati prima di quanto previsto dal sistema di prenotazione.


Sostieni la nostra redazione.

Offrici un caffè

TAG