Cronaca

Allarme al Santa Maria dell’Olmo, 13 ore di anticamera per un’anziana con frattura al femore

Tredici ore in pronto soccorso con una frattura al femore in attesa di un posto letto per un'anziana di Castel San Giorgio

Allarme all’ospedale Santa Maria dell’Olmo di Cava de’ Tirreni, tredici ore in pronto soccorso con una frattura al femore in attesa di un posto letto per un’anziana di Castel San Giorgio. Un ‘altra anziana invece con peritonite grave, operata senza il supporto di un posto in terapia intensiva.

Santa Maria dell’Olmo, anziana in attesa di un posto letto

La chiusura della rianimazione, per il trasferimento dei rianimatori al Covid center di Salerno, ed il conseguente accorpamento dei reparti di chirurgia e ortopedia stanno mettendo in serio rischio la salvezza dei pazienti no covid.

“Non cè più tempo per chiacchiere – tuona Gaetano Biondino, sindacalista Cisl – o torna la rianimazione e si procede al ripristino dei posti letto della chirurgia e dell’ortopedia altrimenti è meglio chiudere tutto“. Una posizione forte, un grido d’allarme accorato quello del sindacalista della Cisl, dettato dai gravi fatti registrati in queste ore.

Spiega Biondino

Come è noto – spiega Biondino – al Santa Maria dell’Olmo la rianimazione è stata chiusa per consentire il trasferimento dei rianimatori al Covid di Salerno e di conseguenza la chirurgia e l’ortopedia sono state accorpate con il dimezzamento dei posti letto. In pratica c’è solo la guardia di un rianimatore e sono possibili solo gli interventi di urgenza. Ciò nonostante al pronto soccorso arrivano pazienti gravissimi che necessitano di interventi e di rianimazione”.

E continua: “Sebbene in tutti gli ospedali ormai siano previsti i doppi percorsi per pazienti covid e non, a Cava vengono dirottati, tramite il 118, pazienti dei comuni vicini con la motivazione che i pronto soccorso nell’Agro sono chiusi per sanificazione“. E così è accaduto sabato sera quando intorno alle 21 a Cava è arrivata, trasportata dal 118, un’anziana di Castel San Giorgio con una frattura al femore.

All’Olmo non c’era un posto letto e la donna ha dovuto attendere ben tredici ore con il rischio di complicanze. Nella stessa notte sono stati operati pazienti con peritonite grave. Si tratta di malati che hanno altre patologie e per i quali è necessario il supporto della terapia intensiva. E non è finita, anche stamattina (ieri per chi legge) al pronto soccorso è giunto un altro paziente con ernia strozzata”.

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto