Sanza, muore in montagna mentre cerca funghi: scatta l’inchiesta

cercatore-funghi-precipitato-acerno

Muore in montagna a Sanza mentre è alla ricerca di funghi. Scatta l’inchiesta aperta dalla procura di Lagonegro . È stata disposta l’autopsia

Muore in montagna mentre è alla ricerca di funghi. Scatta l’inchiesta aperta dalla procura di Lagonegro . È stata disposta l’autopsia che sarà effettuata domani mattina (Lunedì 22 giugno) per accertare le eventuali cause del decesso del 51enne Franco Sorvillo, che la scorsa settimana si è sentito male sulle montagne di Sanza.

Muore in montagna mentre cerca funghi: è successo a Sanza

L’autopsia e l’inchiesta dovranno accertare se l’uomo sia morto per cause naturali oppure da fattori esterni. Si è fatto largo l’ipotesi che l’uomo possa aver raccolto funghi velenosi che forse hanno provocato una reazione fatale per l’uomo. Un’ipotesi questa smentita decisamente da amici e familiari, in quanto l’uomo era un esperto cercatore di funghi, e faceva parte tra l’altro dell’associazione Boletus.

Un dramma, quello avvenuto in località Ponte l’Abate, a Sanza, il 51enne di San Marzano sul Sarno, mentre camminava, avrebbe avvertito un malore, accasciandosi a terra ma riuscendo comunque ad allertare i soccorsi del 118, con il suo telefono.

L’autopsia

Dopo poco, gli operatori sanitari sono giunti sul posto e hanno provveduto ad assistere l’uomo, adagiandolo su di una barella e trasportandolo all’ospedale di Polla. Qui, nonostante i tentativi di rianimarlo, è poi deceduto. Sull’episodio sono stati informati anche i carabinieri della stazione di Sanza, che insieme ai militari della compagnia di Sapri, stanno ricostruendo gli ultimi movimenti del 50enne. La salma è stata trasferita presso l’obitorio del Luigi Curto di Polla, in attesa dell’autopsia, i familiari aspettano che la salma sia liberata per poter espletare il rito funebre.


Leggi anche:

TAG