Cronaca

Il maltempo si abbatte su Sarno, il sindaco: “Restate a casa”

Sarno, i danni del maltempo: il vento abbatte alberi nella notte. Il sindaco invita i cittadini a non uscire di casa

Il maltempo si abbatte su Sarno e parte la conta dei danni. In particolar modo fortissime folate di vento hanno creato disagi a Sarno nella notte tra venerdì 20 e sabato 21 novembre, con alberi caduti, automobili danneggiate e non solo.

Sarno, i danni del maltempo

“Siamo in continua emergenza su tutti i fronti – scrive il sindaco Giuseppe CanforaSto effettuando da questa mattina dei sopralluoghi. Ho già avvisato e sono in contatto con la Protezione Civile Regionale”. Il primo cittadino ribadisce che il cimitero è chiuso, invitando i cittadini a fare attenzione e ad evitare spostamenti se non in casi strettamente necessari.

Danni anche all’ospedale

Il forte vento, inoltre, ha sollevato e spostato il container per il triage Covid dell’ospedale Villa Malta di Sarno.


sarno-danni-maltempo-vento-21-novembre


I danni all’agricoltura

Abbattuti alberi, distrutti impianti serricoli, scoperchiati capannoni e danneggiate intere colture di cipollotto nocerino, finocchi, scarole verze e cavolfiori. Ne dà notizia Coldiretti Salerno, i cui tecnici sono impegnati a raccogliere le segnalazioni sul territorio dalle aziende agricole e a fare una prima stima dei danni.
Il forte vento ha spezzato rami e abbattuto decine di alberi in tutto l’agro con pesanti danni all’ambiente ma anche pericoli per la circolazione sulle strade. Molte serre  sono state scoperchiate dalle raffiche di vento che hanno strappato i teloni e compromesso le stesse strutture serricole. “E’ l’ennesimo episodio di evento climatico estremo – sottolinea Coldiretti – che mette ancora una volta a dura prova il comparto agricolo con inevitabili ripercussioni sull’indotto”.

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto