Sarno, picchia la madre per l’eredità e porta via 14mila euro

violenza

Un 35enne di Sarno dovrà sottoporsi a un regolare processo per aver picchiato la madre e averle portato via 14mila euro per un'eredità

Un 35enne di Sarno dovrà sottoporsi a un regolare processo per aver picchiato la madre e averle portato via 14mila euro per un’eredità.

A processo per aver picchiato la madre: tutto per l’eredità

Picchia la madre per l’eredità e le porta via 14mila euro: un 35enne di Sarno finisce a processo per lesioni ed estorsione, dopo aver maltrattato la genitrice.

Stando alle accuse, la vittima sarebbe stata sottoposta a diverse vessazioni, offese e minacce affinché il figlio potesse arrivare a mettere le mani sul denaro. Dopo una luna serie di violenze, la donna riuscì a farsi coraggio e a denunciare tutti ai carabinieri.

L’episodio decisivo si verificò quando il figlio strappò dal collo della madre la chiave della cassaforte, tenuta in quel modo per ragioni di sicurezza. Successivamente, con quella stessa chiave riuscì ad aprire la cassaforte, prelevando 14mila euro in contanti. Il 35enne dovrà rispondere di tre singoli capi d’accusa, due dei quali riferiti ad episodi estorsivi, con aggravanti per quanto riguarda il luogo, in una privata dimora.

 

 

TAG