Sassano, rischio spopolamento: il Comune concede agevolazioni fiscali

SASSANO. Scongiurare il rischio di spopolamento: questo il fine delle misure prese dal Comune di Sassano che concederà agevolazioni fiscali per chi deciderà di stabilire il proprio domicilio nel centro storico della città a partire dal 1 gennaio 2015. In particolare verrà riconosciuta una riduzione del 50% della Tari per i nuclei familiari, del 50% […]

SASSANO. Scongiurare il rischio di spopolamento: questo il fine delle misure prese dal Comune di Sassano che concederà agevolazioni fiscali per chi deciderà di stabilire il proprio domicilio nel centro storico della città a partire dal 1 gennaio 2015.

In particolare verrà riconosciuta una riduzione del 50% della Tari per i nuclei familiari, del 50% della Tari per le attività produttive a carattere industriale, commerciale e artigianale che si trovano nel centro storico; del 25% per le utenze domestiche in cui i componenti del nucleo familiare siano tutti residenti all’estero; del 50% per i cittadini residenti con invalidità al 100% e che non percepiscono indennità di accompagnamento; del 15% per le unità adibite ad abitazione tenute a disposizione o ad uso stagionale, in cui non siano presenti soggetti residenti e comunque risulti non locata; del 5% per ogni persona componente il nucleo familiare che pratica il compostaggio domestico.

Prevista, infine, l’esenzione totale della Tari per locali ed aree delle associazioni che svolgono attività di alto rilievo sociale o storico-culturale e per le quali il Comune si assume interamente le spese di gestione e l’ esenzione totale, per il primo anno di occupazione, per le nuove attività produttive che investono nel territorio comunale. Per le giovani coppie che convoleranno a nozze e che fisseranno la propria residenza a Sassano, è prevista l’esenzione nell’anno del matrimonio.

TAG