CronacaInchiesta

Sassano violenta? Troppa cronaca nel paese delle orchidee

SASSANO. Sassano è un comune di poco più di 5mila anime nel cuore della provincia di Salerno. Una zona che è conosciuta per la Valle delle Orchidee e per i diversi esempi di architettura religiosa.

Gli sportivi magari ricordano Sassano anche per aver dato i natali a Giuseppe Bruscolotti, arcigno difensore del Napoli a cavallo tra gli anni’70 ed’80, di cui è stato capitano prima di cedere la fascia a Maradona.

Ma la piccola Sassano è stata, negli ultimi mesi, protagonista soprattutto di una incredibile serie di eventi di cronaca. Alcuni con una eco nazionale. Un esempio è naturalmente la cosiddetta “strage di Sassano” del 28 settembre 2014, in cui hanno perso la vita quattro persone.

Ma non è il solo caso.

A Sassano sono in corso indagini su una presunta violenza sessuale, è stato arrestato un 32enne per presunte minacce al titolare di un bar, un allevatore è finito nel mirino della giustizia con l’accusa di maltrattamento di animali, quattro persone sono state denunciate per una rissa con asce e mazze da baseball.

Ed ancora, sempre a Sassano: una 26enne è stata colpita per errore da un cacciatore, una ragazza di 27 anni è stata travolta ed uccisa da un’auto.

Diversi, poi, i casi di giovani fermati dalle forze dell’ordine perché guidavano senza patente o per spaccio di droga.

Si tratta, chiaramente, di eventi accaduti nel corso degli ultimi mesi e che, riuniti, danno vita ad un quadro probabilmente troppo crudo di una piccola realtà come Sassano. Sono fatti drammatici e sconcertanti, per la loro natura e numero, che stanno rendendo Sassano un paese più noto per la cronaca che per le bellezze paesaggistiche ed artistiche del posto.


Francesco Piccolo

Giornalista professionista, direttore del network L'Occhio che comprende le redazioni di Salerno, Napoli, Benevento, Caserta ed Avellino. Direttore anche di TuttoCalcioNews e di Occhio alla Sicurezza.

Articoli correlati

Back to top button