Cronaca

Scafati, allarme ludopatia: la proposta di Matrone

SCAFATI. “C’è un allarme ludopatia a Scafati: il prefetto Gerardina Basilicata sposi il modello attuato a Montesano sulla Marcellana: spenga le slot machine in orario scolastico”.

L’ex consigliere comunale Angelo Matrone indirizza una lettera alla Commissione straordinaria e chiede, “in attesa di ricevere risposta su quel regolamento sul contrasto al gioco d’azzardo approvato e mai reso esecutivo nella passata amministrazione, di limitare gli orari di funzionamento delle slot machine solo nel pomeriggio, evitando così che i ragazzi possano non presentarsi a scuola per giocare d’azzardo”.

“Non è una proposta provocatoria o irrealizzabile.

L’esempio di quanto ho detto lo abbiamo nella nostra provincia a circa 139 chilometri dalla nostra città.

Il sindaco di Montesano sulla Marcellana, comunità del Vallo di Diano, ha firmato un’ordinanza che dal primo gennaio lascia accese le slot solo dalle ore 15 alle 23.

Sicuramente Scafati è una città con le sue complessità e magari si potrebbe portare ad allungare l’orario, dalle 15 alle 3 del mattino successivo, ma il progetto è fattibile”.

Per Matrone, infatti, secondo quanto riporta Salernotoday, in questo modo si potrebbe dare continuità al lavoro fatto in questi mesi dalla Guardia di Finanza della Compagnia di via Nuova San Marzano e a quello portato a termine nelle ultime settimane dalla Polizia municipale diretta dal comandante Giovanni Forgione: “I controlli effettuati vanno nella direzione di voler arginare questa piaga sociale e questo non può che farmi piacere. Ma bisogna alzare l’asticella.

Le ultime sentenze del Consiglio di Stato dicono che spetta ai Sindaci, laddove ritengano, intervenire a partire proprio dagli orari di utilizzo delle slot machine.

Questo principio può essere seguito anche dal prefetto Gerardina Basilicata, capo della Commissione straordinaria. L’esempio di Montesano sulla Marcellana va seguito. Scafati deve guarire dal gioco d’azzardo”.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button