Cronaca

Cava de’ Tirreni, voti in cambio di appalti: prescrizioni per i politici, a processo solo gli Zullo

Scambio di voto a Cava de’ Tirreni: nell’inchiesta Tsunami arrivano solo prescrizioni per i politici, mentre la famiglia Zullo è finita sotto processo.

Solo gli Zullo a processo per scambio di voto a Cava de’ Tirreni

Importante novità a Cava de’ Tirreni per quanto riguarda l’inchiesta Tsunami legata a un presunto scambio di voto tra i politici e gli esponenti della camorra locale. Sono arrivate infatti le prescrizioni proprio per i rappresentanti della politica ma anche imprenditori e dirigenti amministrativi.

Come riporta il quotidiano “Il Mattino”, si tratta di

  • Gianluigi Accarino,
  • Antonino Attanasio,
  • Alfonso Carleo,
  • Napoleone Cioffi,
  • Gianluigi Ciuccio,
  • Vincenzo Coppola,
  • Francesca Milione,
  • Antonello Russo
  • Carmine Vitale.

Andranno invece a processo gli Zullo, cioè Dante, Geraldine e Vincenzo, insieme a Francesco Porcelli. Rito abbreviato invece per Carmine Trezza, il quale deve affrontare l’accusa di riciclaggio di assegni. Le accuse riguarda una storia di voti in cambio di appalti.

I fatti

Il tutto ebbe inizio quando l’ex assessore Alfonso Carleo finì nel mirino della Dda con l’accusa di aver offerto committenze pubbliche a Michele Russo, amministratore della società cooperativa “Libera”, deceduto purtroppo nel 2008. Da lì scoppiò il caso che avrebbe visto gli imputati commettere il reato di abuso dei poteri di ufficio e non solo.

 

Pasquale De Prisco

Nato a Napoli il 16 maggio 1986 e residente a Pagani (Sa). Laurea triennale in Lettere presso Università degli Studi di Salerno. Laurea Magistrale in "Informazione, Editoria, Giornalismo" presso Università degli Studi Roma Tre. Ho collaborato con i quotidiani "Le Cronache" e "La Città". Ho lavorato per "MediaNews24", "Blasting News". Blogger del sito "La Puteca di Pakos".

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto