Scarcerato il sindaco di Praiano con obbligo di divieto di soggiorno per prosieguo indagini

arrestato-sindaco-praiano-tangente-250-euro-corrotto

Scarcerato il sindaco di Praiano: disposto obbligo di divieto di soggiorno. "Ci sarà un prosieguo indagine con derubricazione del reato" spiega l'avvocato

È stato scarcerato il sindaco di Praiano, Giovanni Di Martino. Il primo cittadino della località costiera era stato arrestato nella giornata di venerdì 5 giugno con l’accusa di concussione in flagranza di reato. I fatti che hanno determinato l’arresto fanno riferimento alla denuncia sporta, presso gli Uffici della Squadra Mobile di Salerno, nella serata di ieri – giovedì 4 giugno –  da un libero professionista, nei confronti del P.U. che si era reso responsabile di una richiesta concussiva nei suoi confronti.

Scarcerato il sindaco di Praiano, Giovanni Di Martino

Nel pomeriggio del 3 giugno scorso, il denunciante era contattato direttamente dal Sindaco di Praiano e invitato a raggiungerlo presso la casa Comunale. Nel corso del colloquio gli chiedeva, per regolarizzare la pratica ed evitare possibili ripercussioni amministrative e pecuniarie e lungaggini burocratiche, la cifra in contanti di 250,00 euro. Dopo di ciò, si davano appuntamento in Salerno per la giornata odierna per la consegna della somma.

Finito l’interrogatorio

Come riportato da Positanonews, pochi minuti fa è terminato l’interrogatorio al Tribunale di Salerno. L’avvocato Zecca, legale del sindaco Di Martino, ha spiegato: “È andata bene. Ci sarà un prosieguo indagine con la derubricazione del reato da concussione a induzione indebita. Per il tempo delle indagini ci sarà solo la misura minore del divieto di soggiorno”. Stando alla difesa, la cifra di 250 euro sarebbe servita ad un ente terzo al Comune di Praiano.


Tutte le notizie sul coronavirus

Il sito del Ministero della Salute

TAG