CronacaSenza categoria

Scarichi non autorizzati in mare, altra piscina sequestrata in Costiera

Continua la crociata delle forze dell’ordine contro gli scarichi delle piscine di alberghi, non autorizzati e depurati, in acque marittime.

Gli Agenti di P.G. in servizio presso la Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Salerno, hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP del Tribunale di Salerno, su richiesta della Procura della Repubblica, relativo alla piscina di un albergo di Minori in Costiera Amalfitana.

Le indagini hanno consentito di accertare che le acque di controlavaggio dei filtri della piscina venivano immesse in fogna senza che prima venissero sottoposte ad alcun tipo di trattamento depurativo e pertanto equiparate ex lege a refluo industriale: per questo motivo la loro immissione in fogna necessitava di una apposita autorizzazione, mai rilasciata alla struttura.

Si tratta di un ennesimo sequestro svolto nell’ambito di una coordinata attività di indagine cui hanno contribuito oltre al personale della Sezione Operativa Navale delle Fiamme Gialle, anche Carabinieri del NOE e la Guardia Costiera.

Purtroppo l’esito dei controlli ha attestato una diffusa inottemperanza alle prescrizioni normative con grave compromissione o alterazione dell’ambiente marino e costiero.

Di eguale importanza, è da segnalare che, sempre nella giornata odierna i baschi verdi hanno eseguito la restituzione delle strutture del tipo dehors che si trovano sul Corso Reginna del Comune di Maiori, avendo l’Ente ottemperato agli obblighi concessori con il Genio Civile di Salerno ed avendo gli esercenti commerciali ripristinato lo stato dei luoghi eliminando le strutture fisse realizzate.

Articoli correlati

Back to top button