Cronaca

Senza lavoro ma con diecimila euro in tasca, fermato Maiale Jr

EBOLI. Sequestrati oltre 10 mila euro a Michael Maiale, ultimo rampollo della famiglia. Un ventenne senza lavoro e senza reddito che girava per Eboli con in tasca una cifra considerevole. Il ragazzo è stato fermato in strada, sabato sera.

C’era un posto di blocco, a quanto sembra le forze dell’ordine aspettavano Michael Maiale al varco. Il giovane ha numerose pendenze penali, sciocchezze di “gioventù”, gesti da bullo, atti da piccolo boss. Alla domanda degli investigatori quando lo hanno fermato: «Dove hai preso questi soldi? », Maiale non ha saputo giustificare la provenienza del denaro.

La detenzione sospetta ha dunque provocato il sequestro. I soldi sono finiti sotto chiave. Lo prevede la legge, l’indagato poi potrà presentare ricorso. Del resto la cifra è ingente, il sospetto è evidente: quei soldi sarebbero frutto di attività illecite. L’operazione realizzata nel centro di Eboli non è certo passata inosservata. Michael Maiale è un volto noto, carabinieri e vigili urbani lo hanno già fermato in passato.



Il ragazzo si è reso protagonista di fughe rocambolesche e pericolose in auto (senza patente) e in moto. Spesso correndo a velocità sostenuta per il centro del paese, Maiale ha rischiato di farsi male e soprattutto di ferire altre persone. Il ragazzo che si atteggia a piccolo boss segue la gestualità vista in famiglia. Per sottrarsi a banali controlli stradali ha commesso reati decisamente più gravi. Non è dunque la prima volta che Michael Maiale si ritrova a rispondere di una contestazione del genere.

Gli investigatori avevano già indagato sulle anomale somme di denaro gestite dal giovane motociclista. Era stato proprio il giovane Michael, in un’occasione, a denunciare la sottrazione di una grossa cifra dalla sua abitazione. La denuncia, però, venne archiviata. I soldi infatti non erano scomparsi, né erano stati rubati. In quella circostanza le indagini delle forze dell’ordine si conclusero con un nulla di fatto. L’attenzione degli investigatori resta comunque alta. Sia per Michael Maiale che per altri ragazzi come lui. Giovani senza lavoro ma con un tenore di vita non giustificabile. Moto nuove e fiammanti, scommesse sistematiche e con cifre sostanziose, abiti griffati, spese inspiegabili. Chi conosce Michael sussurra che il giovane rampollo abbia un asso nella manica, un reddito ereditato che potrebbe giustificare la detenzione di quei soldi.

Nelle prossime ore, quindi, saranno gli avvocati del ragazzo a chiedere il dissequestro dei soldi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button