Cronaca

Sfratto a 93 inquilini abusivi, in campo anche l’esercito

EBOLI. La famosa lista degli abusivi è pronta. Nessun occhio di riguardo, né per gli anziani, né per le donne incinte. Entro la fine del mese, partirà ad Eboli l’operazione per sfrattare 93 inquilini dalle case comunali, e come avvenne nel 1998 per le abitazioni in litoranea, scenderà in campo anche l’esercito. Terminata, quindi, la lista degli irregolari che sono stati denunciati, in questi giorni il comune sta notificando le diffide. Si partirà dal rione Pescara, per poi passare al quartiere Paterno.

L’operazione sotto la regia dell’amministrazione comunale

Rispetto ai proclami fatti in passato, questa volta sembra che tutto possa andare a buon fine, grazie anche al lavoro svolto dall’ingegnere Rossi, responsabile dell’ufficio patrimonio. A supporto di questo intervento, anche un’indagine della Corte dei Conti che ha notificato 13 avvisi di garanzia ai dirigenti comunali che si sono succeduti tra l’ufficio patrimonio e l’ufficio case dal 1988 a oggi, senza riscuotere i fitti per le case popolari. L’inquilino che non paga va sfrattato. Ma ora ne risponde anche il dirigente comunale con il suo patrimonio o con parte del reddito.

La prima ad essere sfrattata sarà una ragazza incinta

Il primo sfratto sarà effettuato nei confronti di una 19enne incinta di Battipaglia, residente a Serroni. La giovane in stato interessante, ha occupato abusivamente un alloggio popolare al rione Pescara. In tanti hanno utilizzato l’alibi della gravidanza e dei figli piccoli e molti sono stati anche condonati.

Insieme alla giovane donna, verrà sfrattata una 44enne. Entrambe sono già state denunciate e quindi andranno a processo. Gli abusivi che non hanno pagato il fitto in questi mesi dovranno pagare gli arretrati, anche perché lo sfratto esecutivo non estingue il debito maturato. Nella lista delle persone che dovranno lasciare gli immobili, anche i parenti di alcuni politici. Il decreto di sfratto è esecutivo da tre anni ma è rimasto blindato nei cassetti del Comune.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button