Cronaca

Shock a Castellammare, neonato muore durante il parto

Un sogno che si trasforma in tragedia per una giovane coppia di fidanzati che speravano di diventare mamma e papà. La tragedia si è consumata a Castellammare di Stabia presso l’ospedale San Leonardo.

Il loro bambino, per motivi ancora da chiarire, è morto durante il parto. La madre, Anastasia Iovane 23enne si era recata in ospedale per partorire, in grembo portava un bimbo di circa 4 kg. La sua gravidanza era stata considerata non a rischio, di conseguenza era stato predisposto tutto per il parto naturale.

Nel corso delle ore tuttavia i dolori per la donna aumentavano e il piccolo faceva fatica a nascere. Improvvisamente infatti le contrazioni si sarebbero fermate con la testa del neonato ormai quasi fuori e il parto si sarebbe interrotto provocando la morte del piccolo per soffocamento. Il padre del neonato deceduto, Francesco Graziuso 24enne, ha subito sporto denuncia per fare chiarezza su cosa sia realmente accaduto a suo figlio. I familiari infatti avrebbero voluto un cesareo. Sul caso indagano le forze dell’ordine e la magistratura. La Procura di Torre Annunziata, ha aperto un’inchiesta sul caso affidando le indagini ai carabinieri della stazione di Castellammare. «La direzione sanitaria chiede il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, componente della Commissione sanità accerti quanto è successo.

Bisogna fare massima chiarezza sulla vicenda, valutando anche l’ipotesi di sospensione immediata dei medici coinvolti qualora emergessero responsabilità evidenti». L’Asl Napoli 3 Sud ha subito disposto un’inchiesta interna, parallela a quella degli inquirenti. Nel frattempo, tramite il figlio, proprio la Esposito ha chiarito in un lungo post su Facebook che a quell’ora era «in abiti da lavoro e ancora al reparto, cercando di gestire e coordinare al meglio le attività, essendo strapieno.

Nello stesso pomeriggio sono nate altre tre vite, solo una con cesareo. Sono vicina alla donna e al marito che soffrono la triste perdita».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button