Cori contro Salerno del sindaco di Avellino, Lanzara: “Sindaco siano esempio per i giovani”

sindaco-pontecagnano-cori-festa-avellino-contro-salerno

Sindaco di Pontecagnano e i cori di Festa ad Avellino contro Salerno: "Sindaci siano esempio per i giovani in questa fase 2"

Il sindaco di Pontecagnano interviene sulla questione dei cori dell’omologo Festa di Avellino. Il primo cittadino Giuseppe Lanzara è intervenuto nel corso di Mattino Cinque commentando quanto accaduto tra sabato e domenica nel capoluogo irpino dove il sindaco Gianluca Festa ha preso parte ad un maxi-assembramento intonando cori contro la città di Salerno.

Sindaco di Pontecagnano e i cori di Festa ad Avellino

“Noi sindaci dobbiamo stare dalla parte delle forze dell’ordine, dei medici e delle famiglie che hanno avuto grandi difficoltà in questi mesi, magari in appartamenti piccoli. Dobbiamo stare dalla parte di commercianti e partite iva ma anche dalla parte dei sindaci che sono stati in prima linea

In questa fase è necessario da parte dei sindaci gestire questa fase 2 con attenzione. Confini chiusi agli avellinesi? È una provocazione ma mi aspetto provvedimenti duri, il sindaco di Avellino ha emesso un’ordinanza meno restrittiva sulla movida come accaduto a Napoli, in questo momento abbiamo bisogno di sindaci che fanno rispettare le regole, che siano d’esempio per i giovani. Ci auguriamo di non dover chiudere le porte agli avellinesi”.

La gaffe di Francesco Vecchi

Nel presentare il sindaco Lanzara, il conduttore Francesco Vecchi ha parlato di Pontecagnano Faiano come comune “limitrofo” ad Avellino. Un errore, considerando che tra Pontecagnano ed Avellino ci sono cinquanta chilometri di distanza.

TAG