Sindrome di Nanismo: il successo di Bill e Jen

Grande il successo della trasmissione su Realtime “Il nostro piccolo grande amore” dove una giovane coppia di sposi, formata da Bill e Jen, due soggetti affetti da Nanismo, racconta la loro storia d’amore, la loro vita, il loro lavoro e la loro famiglia fatta di due piccoli adottati, Will, un bambino cinese, e Zoey, una […]

Grande il successo della trasmissione su Realtime “Il nostro piccolo grande amore” dove una giovane coppia di sposi, formata da Bill e Jen, due soggetti affetti da Nanismo, racconta la loro storia d’amore, la loro vita, il loro lavoro e la loro famiglia fatta di due piccoli adottati, Will, un bambino cinese, e Zoey, una bambina indiana, anch’essi con la sindrome di Nanismo. Quali sono le cause e gli effetti scatenanti di questa patologia, che il programma vuole raccontare, mostrando un adattamento sociale perfettamente compatibile con la quotidianità? Il nanismo è un disturbo dell’accrescimento corporeo causato da un deficit dell’ormone della crescita GH(Growth Hormone) dovuto a una sua ridotta produzione a livello dell’ipofisi, a un disordine della regolazione ormonale da parte dell’ipotalamo o a un difetto della sua utilizzazione periferica da parte degli organi che non lo riconoscono e quindi non lo utilizzano. Le proporzioni del corpo di un soggetto con Nanismo sono armoniche tra di loro pur presentando una bassa statura, mani e piedi piccoli, un volto con aspetto infantile e rotondeggiante( “cicciottello”), che con l’età mostrerà piccole rughe intorno agli occhi e agli angoli della bocca, conferendogli un aspetto anziano. Le cause di questa patologia sono per la maggior parte dei casi sconosciute, anche se il 25% dei pazienti presenta una problematica organica legata all’ipotalamo o all’ipofisi. Sono stati, inoltre, riscontrati alcuni casi dovuti a trasmissione genetica, ma è molto più raro. L’unica terapia applicabile è rappresentata dalla somministrazione del GH sintetico, per sopperire alla mancanza ormonale e normalizzare la crescita del soggetto pediatrico dove ancora non è avvenuta la saldatura delle epifisi dell’osso, dopo la quale non c’è più possibilità di accrescimento osseo. La trasmissione in onda sul canale Realtime mostra come è possibile vivere normalmente e autonomamente con la sindrome di Nanismo perché gli handicap non possono e non devono influire negativamente sulla vita di nessun individuo in una società adatta e conforme ai più e i meno dotati.

TAG