CronacaPolitica

Sistema Salerno: “Picarone incideva su Comune e Ruggi”

Sistema Salerno, le intercettazioni su Picarone e i rapporti con i Marigliano. Picarone sapeva dei rapporti tra Pietrofesa ed i Marigliano

Nuove intercettazioni nell’ambito dell’inchiesta sul sistema Salerno. Intercettazioni che vedono coinvolto anche Franco Picaroneconsigliere regionale e presidente della commissione regionale Bilancio. Secondo gli inquirenti, Picarone “aveva il potere di incidere sui processi amministrativi dell’ospedale Ruggi e del Comune” come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Sistema Salerno, le intercettazioni su Picarone

In una intercettazione, a parlare è Ciro Aniello Pietrofesa, il quale si sofferma sui rapporti con la famiglia Marigliano, definiti “appezzottati” da Pietrofesa in una telefonata con l’ex assessore Dario Loffredo. Sarebbe stato proprio Picarone a far conoscere Pietrofesa e Loffredo stando a quanto ricostruito dalla Squadra Mobile.

Il ruolo di Picarone

Secondo le informative contenute nel fascicolo sui mercatini di Natale, Picarone sapeva dei rapporti tra Pietrofesa ed i Marigliano. Matteo Marigliano, si rivolge a Picarone nella speranza di “recuperare” uno scooter rubato alla figlia. Ecco perché i sostituti procuratori della Dda Vincenzo Montemurro e Silvio Marco Guarriello sostengono che “Picarone era ben consapevole della caratura criminale di Marigliano”.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Back to top button