Cronaca

Sparatorie nell’Agro, il pistolero racconta: «Mi erano antipatici»

NOCERA INFERIORE. «Mi erano antipatiche. So quello che ho fatto ma non conosco i motivi. Ho sparato a più persone». Queste sono le prime parole del giovane Luca Criscuolo, il 27enne che durante il colloquio nel carcere di Fuorni ha raccontato di quei raid compiuti nell’Agro Nocerino.

Sparatorie nell’Agro, il pistolero racconta: «Mi erano antipatici»

Come racconta Il Mattino, il giorno dopo i sette raid consumati a colpi d’arma da fuoco tra Cava, Sarno, Pagani e Nocera, sono ancora troppe le domande senza risposta.

Chi conosce Luca, non ha dubbi: «Un bravo ragazzo, ma da anni non era più lo stesso. Sono incredulo – racconta un amico del liceo – perché anche se era cambiato, non pensavo potesse compiere azioni del genere».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto