Spiagge di Agropoli libere dai rifiuti: l’intervista a Gerardo Scotti

spiagge-agropoli-rifiuti-gerardo-scotti

Intervista all'eroe che qualche giorno fa ha presidiato Trentova finché i rifiuti raccolti dalle spiagge di Agropoli non sono stati ritirati

Intervista all’eroe che qualche giorno fa ha presidiato Trentova finché i rifiuti raccolti dalle spiagge di Agropoli non sono stati ritirati. Oltre alla pulizia delle spiagge l’individuazione di una discarica abusiva. Dopo le forti mareggiate dei giorni scorsi anche il litorale agropolese era stato invaso dai rifiuti. Da qui l’iniziativa di alcuni residenti di ripulire le spiagge dalla plastica.

Spiagge di Agropoli libere dai rifiuti

A raccontarcelo è Gerardo Scotti, colui che ama quel mare e quelle spiagge come grandi tesori da preservare e coccolare e ha fatto dell’amore per l’ambiente un po’ il leitmotiv della sua vita. – “Siamo partiti in due. Io, Antonio e il mio cane e per strada abbiamo incontrato almeno altri 50 angeli custodi del territorio che si sono uniti a noi e incuranti del freddo hanno rimosso ogni sorta di rifiuto da Trentova a San Marco di Agropoli. Alcuni di loro il giorno dopo sono stati costretti a rimanere a letto per i dolori eppure l’entusiasmo di fare qualcosa di bello per il nostro litorale in quel momento non ha fatto pensare né alla stanchezza né ai dolori”-.
Gerardo racconta con orgoglio di questi momenti spesi per amore e del lieto fine che lo ha portato a restare seduto tra i rifiuti raccolti e accantonati finché non sono stati ritirati. -“Non potevo andarmene e lasciare li quella sporcizia. Il vento avrebbe potuto vanificare il nostro lavoro. Ho dovuto rassicurarmi del ritiro di tutto e poi sono tornato a casa sereno e soddisfatto”-.
Ma oltre alla pulizia c’è stata una triste scoperta. Sul litorale di San Marco sono stati rimossi oltre 100 pneumatici spiaggiati. Alcuni erano infilati nella sabbia e per eliminarli sono state utilizzate delle mini gru. Una vera e propria discarica abusiva che nei prossimi giorni sarà denunciata alle competenti autorità. Il timore è che molti altri pneumatici giacciano in mare cosa che sarebbe di una gravità enorme.

TAG