Stazionarie ma gravi le condizioni della giornalista investita a Scafati

SCAFATI. Sono stazionarie ma sempre gravi, le condizioni di Maria Rosaria Vitiello, la giornalista 47enne, collaboratrice de «Il Mattino», che martedì pomeriggio è stata investita da una Toyota Yaris, in via Dante Alighieri, mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali. Il bollettino stilato ieri dai medici del reparto di rianimazione dell’ospedale Umberto I di Nocera […]

SCAFATI. Sono stazionarie ma sempre gravi, le condizioni di Maria Rosaria Vitiello, la giornalista 47enne, collaboratrice de «Il Mattino», che martedì pomeriggio è stata investita da una Toyota Yaris, in via Dante Alighieri, mentre attraversava la strada sulle strisce pedonali. Il bollettino stilato ieri dai medici del reparto di rianimazione dell’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, dove Maria Rosaria è ricoverata, descrive un quadro clinico complesso a causa dell’importante trauma cranico riportato a seguito dell’impatto.

La giornalista è stata sottoposta ad un intervento chirurgico lo scorso lunedì notte: operazione d’urgenza necessaria per asportare l’ematoma intracranico che si era esteso e che rischiava di comprimere il tessuto cerebrale. L’intervento è riuscito perfettamente, ma il quadro clinico resta grave.

Anche ieri, come era già accaduto lunedì, sono state tantissime le persone che hanno raggiunto l’ospedale di Nocera Inferiore per dare forza e sostegno alla famiglia di Maria Rosaria. Le sono vicini tutti i familiari. Il sindaco di Scafati Pasquale Aliberti è accorso già lunedì. Su facebook centinaia i messaggi di solidarietà e speranza per Maria Rosaria.

TAG