Stoccaggio abusivo di rifiuti speciali: sequestrata un’area da 80 metri cubi

carabinieri-forestali

I carabinieri Forestali di San Cipriano Picentino hanno sequestrato un'area di 80 metri cubi per stoccaggio abusivo di rifiuti speciali

GIFFONI SEI CASALI. I carabinieri Forestali di San Cipriano Picentino hanno sequestrato un’area di 80 metri cubi per stoccaggio abusivo di rifiuti speciali.

Scatta il sequestro a un’area di 80 metri cubi: era un caso di stoccaggio abusivo di rifiuti speciali

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di San Cipriano Picentino, nell’ambito di mirati servizi di concotrollo del territorio finalizzati alla prevenzione e repressione delle condotte in danno dell’ambiente, hanno accertato una gestione illecita di rifiuti.

Nella località Malche del comune di Giffoni Sei Casali i militari hanno scorto, in un terreno agricolo, un significativo quantitativo di materiale derivante da attività di demolizione e costruzione edili e costituito da mattoni, mattonelle, calcinacci, pezzi di asfalto, materiale vario di risulta e rottami ferrosi.

Dagli accertamenti e riscontri documentali esperiti nell’immediatezza è emerso l’assenza di lavori edili in atto nonché la mancata tracciabilità dei rifiuti depositati ed abbandonati sul terreno e che pertanto la gestione dei rifiuti è irregolare. Per i fatti accertati i militari hanno posto sotto sequestro l’area sulla quale giacciono i rifiuti, per un volume di circa 80 metri cubi, e deferito alla A.G. i soggetti responsabili dello stoccaggio abusivo di rifiuti speciali non pericolosi.

TAG