Cronaca

Il dramma di Bellizzi, vigile urbano suicida: era riuscito a sconfiggere il Covid

Suicidio a Bellizzi: la comunità è sotto shock per la morte del vigile urbano Salvatore Caiazzo. Il 52enne si è ucciso con la pistola d'ordinanza

Suicidio a Bellizzi: la comunità è sotto shock per la morte del vigile urbano Salvatore Caiazzo. Il 52enne si è ucciso con la pistola d’ordinanza stringendo in una mano la foto della mamma morta qualche anno prima. L’agente della municipale aveva superato il Covid, ma non era riuscito a digerire la separazione della moglie dalla quale non aveva avuto figli.

Suicidio a Bellizzi, Salvatore Caiazzo aveva superato il Covid

La tragedia si è consumata ieri mattina, 3 giugno. Salvatore Caiazzo chiama i colleghi e avverte che il giorno dopo non sarebbe andato a lavoro. Poi il gesto estremo. Il 52enne, come riporta Il Mattino, si è sparato un colpo alla testa. Alle 11.30 scatta l’allarme. Sarebbe stata la sorella a ritrovare il corpo. In casa dell’agente non è stato rinvenuto nessun biglietto, solo la foto della madre della vittima accanto al corpo.

Il dolore per la separazione

Il cadavere è stato restituito ai parenti i quali hanno raccontato le sue drammatiche condizioni psicologiche. Di recente il 52enne aveva affrontato una separazione avvenuta durante il periodo di restrizione imposto dalle misure di sicurezza anti Covid. 

Articoli correlati

One Comment

  1. Pingback: keto broccoli
Back to top button