Cronaca

Tassa sui rifiuti, stangata in arrivo per gli ebolitani. Cardiello accusa l'Amministrazione

EBOLI. Brutte notizie per i cittadini ebolitani. La tassa sui rifiuti è aumentata. Una variazione che – stando a quanto riporta il quotidiano La Città – andrà dal 2 al 7% e che non farà di certo felici in contribuenti. In merito alla questione, il consigliere d’opposizione Damiano Cardiello incalza: «Nel 2015: una famiglia con 2 persone in 50 mq pagava 223 euro; una famiglia con 3 in 60 mq pagava 285.25 euro; la stessa famiglia in 80 mq pagava 321 euro. Invece una famiglia di 5 componenti in 80 mq pagava 434 euro.

Un negozio d’abbigliamento di 100 mq pagava 600 euro, una pizzeria di 100 mq 1910 euro, un negozio di fiori,ortofrutta e pizza al taglio pagava per 60 mq 1478 euro; uno studio professionali di 70 mq pagava 482 euro. Quest’anno, invece, una famiglia di due componenti in 50mq paga 233.71; una famiglia di 3 componenti in 60 mq paga 295.71; la stessa famiglia di 3 componenti in 80 mq paga 331.31 e una famiglia di 5 in 80 mq paga 445.41.

Rincari anche per attività commerciali e studi: un negozio di abbigliamento di 100mq paga 640 euro, una pizzeria 100m paga 2000 euro, invece un negozio fiori,ortofrutta e pizza al taglio paga per 60 mq 1532 euro. Infine uno studio professionali di 70 mq paga 500 euro».

«Ci avevano promesso che con l’apertura del sito di compostaggio le bollette della Tari si sarebbero dimezzate – continua Cardiello – Ci avevano promesso, in campagna elettorale, di abbassare le tasse alle famiglie ebolitane. Ci avevano garantito che il servizio di raccolta differenziata, a fronte di molti servizi non avrebbe inciso molto sulle casse comunali, ma la spesa è pari a 7 milioni di euro. Purtroppo gli aumenti colpiranno maggiormente le famiglie numerose con rincari che vanno dal 2 al 7% per la quota fissa».

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio