Terremoto in mare nel Cilento: scossa di magnitudo 3.4

terremoto-mare-cilento-scossa-camerota

Terremoto in mare nel Cilento: scossa di magnitudo 3.4 con epicentro nel comune di Camerota. È avvenuto nel Mar Mediterraneo tra Campania e Calabria

Terremoto in mare nel Cilento: scossa di magnitudo 3.4 con epicentro nel comune di Camerota. È avvenuto nel Mar Mediterraneo tra Campania e Calabria.

Terremoto nel Cilento: epicentro a Camerota

Scossa di terremoto registrata oggi nel mare a largo del Cilento: alle ore 16 e 29, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha riscontrato un’attività sismica di magnitudo 3.4 nel Mar Mediterraneo tra la regione Campania e la regione Calabria.

L’epicentro è stato geo localizzato a Camerota ma a diverse miglia di distanza dalla costa ad una elevata profondità di oltre 210 chilometri.

Le mappe del terremoto

Le tre mappe mostrano i risultati dell’elaborazione denominata ShakeMap per la stima dei parametri di scuotimento del suolo sulla base dei dati registrati dai sismometri e dagli accelerometri e delle successive interpolazioni basate sulle conoscenze sismologiche. Le mappe di scuotimento – ShakeMap – sono calcolate solo a fini di ricerca e danno esclusivamente stime indicative dello scuotimento prodotto dal terremoto. Sono calcolate automaticamente dai dati strumentali registrati dalle stazioni sismiche ed aggiornate man mano che nuovi dati diventano disponibili.

La stella rossa è l’epicentro del terremoto avvenuto. I triangoli rossi indicano le stazioni accelerometriche e velocimetriche dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e i triangoli blu le stazioni accelerometriche del Dipartimento della Protezione Civile. Triangoli di altri colori appartengono ad altre reti.

Mappa di scuotimento: intensità

In questa mappa è riportata la distribuzione delle intensità strumentali . La scala utilizzata è la Scala Mercalli Modificata (MMI – Modified Mercalli Intensity) e si basa sui valori registrati di effettivo scuotimento del suolo in termini di accelerazione e velocità del suolo. In generale, la scala dell’intensità Mercalli si basa sugli effetti che lo scuotimento induce e che viene riportata da un osservatore.
Mappa di scuotimento: intensità

Mappa di scuotimento: accelerazione

In questa mappa è riportata la distribuzione delle accelerazioni di picco registrate, espresse in percentuale di g, l’accelerazione di gravità = 9.81 m/s²
Mappa di scuotimento: accelerazione

Mappa di scuotimento: velocità

In questa mappa è riportata la distribuzione delle velocità di picco espresse in cm/s.
Mappa di scuotimento: velocità
Cronologia delle localizzazioni calcolate
TipoMagnitudoTempo origine (UTC)LatitudineLongitudineProfondità (km)Ora pubblicazione (UTC)AutoreID Localizzazione
Rev 100ML 3.4 2019-12-11
15:29:55
39.4715.073332019-12-11
15:44:54
Sala Sismica INGV-Roma74556301
 Localizzazione e magnitudo preferite finora.
Parametri della localizzazione preferita

Localizzazione

CampoValore
Tempo (UTC)2019-12-11 15:29:55 ± 0.24
Latitudine39.47 ± 0.02
Longitudine15.07 ± 0.04
Profondità (km)333 ± 2 (from location)
Metodo di valutazionemanual
Stato della valutazionereviewed
Versione100 -> SURVEY-INGV
Tipo di eventoearthquake
ID localizzazione74556301

Incertezze

CampoValore
Tipo di incertezzauncertainty ellipse
Semi-asse maggiore dell’ellisse di confidenza (metri)3770
Semi-asse minore dell’ellisse di confidenza (metri)1827
azimuth dell’asse maggiore dell’ellisse di confidenza (gradi)97
Regione di confidenza sul piano orizzontale espressa mediante singolo valore di incertezza (metri)3770
Livello di confidenza dell’incertezza (%)68

Qualità

CampoValore
Maggiore gap azimutale nella distribuzione delle stazioni all’epicentro197
Numero di fasi associato indipendentemente se utilizzate nella localizazzione (determinazione dell’Origin’)51
Numero di fasi28
Scarto quadratico medio dei residui di tempo risultanti dal calcolo del tempo origine (Origin) della localizzazione (sec)0.24
Distanza epicentrale della stazione piu’ vicina (gradi)0
Distanza epicentrale della stazione piu’ lontana (gradi)2.126
Numero di stazioni in cui l’evento e’ stato osservato40
Numero di stazioni usate nel calcolo dell’Origin18
Parametri della magnitudo

ML:3.4

CampoValore
Valore3.4
Incertezza0.4
Num. stazioni usate47
Tipo di magnitudoML
Localizzazione di riferimento74556301
AgenziaINGV
AutoreSala Sismica INGV-Roma
Tempo di creazione (UTC)2019-12-11 15:44:53

Meccanismi Focali

In questa mappa sono riportati i meccanismi focali dei terremoti dal 1977 ad oggi. I simboli bianchi e rossi sono i meccanismi focali ottenuti con la tecnica del Regional Centroid Moment Tensor che vengono calcolati per eventi sismici di magnitudo maggiore di 4.5 nella regione euro-mediterranea. Talvolta se la distribuzione della rete sismica lo permette vengono calcolati anche per eventi di magnitudo minore di 4.0. I meccanismi bianchi e blu sono quelli calcolati con la tecnica del Time Domain Moment Tensor per terremoti di magnitudo maggiore di 3.5 circa. La dimensione del meccanismo focale è proporzionale alla Magnitudo Momento Mw. 
Meccanismi Focali

Dati evento

Un terremoto di magnitudo ML 3.4 è avvenuto nella zona: Tirreno Meridionale (MARE), il

  • 11-12-2019 15:29:55 (UTC)
  • 11-12-2019 16:29:55 (UTC +01:00) ora italiana

con coordinate geografiche (lat, lon) 39.4715.07 ad una profondità di 333 km.

Il terremoto è stato localizzato da: Sala Sismica INGV-Roma.

Sostieni la nostra redazione.

Offrici un caffè

TAG