Cronaca

Turisti vogliono visitare Roscigno Vecchia, ma il borgo è chiuso per un matrimonio

ROSCIGNO. Turisti vogliono visitare Roscigno Vecchia, ma il borgo è chiuso per un matrimonio. Tre persone erano partite appositamente da Torino per visitare il borgo di Roscigno Vecchia, ma per loro non è stato possibile. La zona, infatti, era chiusa a causa di un matrimonio.

Turisti vogliono visitare Roscigno Vecchia, ma il borgo è chiuso per un matrimonio

«Sono un turista torinese, partito appositamente dalla città di Salerno, con moglie ed una nostra amica, martedì 21 agosto per visitare la bellissima Roscigno Vecchia, tanto decantata da tutte le guide turistiche nazionali e locali – racconta Alberto Dodino, da Torino – Siamo arrivati intorno alle ore 16 all’entrata del borgo antico».



Qui è scattato l’intoppo: «Siamo stati però fermati da due carabinieri, che ci hanno informato che non si poteva entrare a Roscigno Vecchia senza invito perché era in corso una festa privata, probabilmente la celebrazione di un matrimonio». Nel paese dei mille divieti, dove in strada non si può consumare panino o una birra, tutto era bloccato, a cominciare dall’ingresso, per i festeggiamenti di un matrimonio. “Avete l’invito?” chiedono alla comitiva del signor Dodino. “No?” Allora non potete entrare” .

A fare da buttafuori sono due uomini che si presentano come carabinieri. Proteste e sconcerto, tutto è inutile. Niente da fare, l’ingresso non è consentito nemmeno a piedi. Alla comitiva non resta che rinunciare, e protestare poi con il sindaco di Roscigno, Pino Palmieri, che via email fornisce le sue spiegazioni. «Buonasera signor Dodino – è l’incipit della risposta – il giorno 21 agosto la piazza di Roscigno Vecchia era stata affittata da un privato per celebrare un matrimonio.



Vorrei precisare che il personale che lei ha incontrato non erano carabinieri, ma una associazione di volontariato tra cui alcuni carabinieri in pensione che si è resa disponibile per gestire eventuali problemi di viabilità. L’ingresso a Roscigno Vecchia era inibito alle autovetture, ma non ai pedoni.

Quindi, il suo mancato ingresso è da addebitare a qualche volontario che con eccesso di zelo le ha impedito la visita. Segnalerò l’accaduto al presidente dell’associazione di volontariato. Purtroppo, Roscigno è una piccola comunità e tante attività vengono svolte solamente perché esistono persone che ancora operano su base volontaria».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button