Cronaca

Ucciso con due colpi di pistola in testa e messo in un sacco: è giallo

È stato ucciso con due colpi di revolver alla testa ed è stato messo in un sacco di plastica.

È questo lo stato in cui è stato ritrovato il corpo, sena vita, di un intermediario finanziario, Alberto Villani, 37 anni, che abitava a Pavia.

Il suo corpo è stato ritrovato a Tlaltizaplan, una cittadina di 45 mila abitanti a circa 100 chilometri da Città del Messico nello stato di Morelos.

Ucciso con due colpi di pistola in testa e messo in un sacco: i dettagli

Al fianco del suo corpo, inoltre, è stato ritrovato un cartello in spagnolo con la scritta: «Questo mi è successo per essere un ladro».

La polizia messicana non è in grado di avanzare ipotesi sull’omicidio del broker che era spesso in viaggio per lavoro, soprattutto nei paesi di lingua spagnola.

Alberto era nato a Valencia, in Spagna.

Gli ultimi contatti

Il corpo di Villani è stato trovato il 26 marzo e l’ultimo contatto con la convivente, una donna originaria di El Salvador, con cui viveva a Pavia era stato il 20.

La donna aveva quindi presentato denuncia alla Questura di Pavia ed era stata attivata la Polizia messicana che ha trovato il corpo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button