Cronaca

Muore dopo un calvario tra intervento e tre ospedali: scatta la denuncia dei parenti

Uomo di Agropoli morto in clinica di Nocera: scatta la denuncia dei parenti che vogliono vederci chiaro dopo un calvario

Arriva la denuncia da parte dei parenti di un uomo di Agropoli morto in una clinica di Nocera. Un decesso, quello del 76enne A.C., arrivato dopo un vero e proprio calvario, fatto di un intervento e ricoveri in tre ospedali diversi come riportato dall’edizione odierna del quotidiano Il Mattino.

Nocera, uomo di Agropoli morto in clinica: scatta la denuncia

I parenti ora vogliono che venga fatta chiarezza sull’accaduto e hanno sporto denuncia. La Procura di Nocera Inferiore indagherà con l’ipotesi di reato di omicidio colposo. Tutto è iniziato a marzo scorso, quando il 76enne fu sottoposto ad una visita pre ricovero all’ospedale “San Carlo” di Potenza prima di una operazione chirurgica alla valvola aortica.

Un intervento fissato ad aprile, ma a causa di alcune complicazioni fu deciso di farlo slittare a giugno. Dopo l’intervento, i medici contattarono la famiglia, riferendo di alcune complicazioni sopraggiunte, tali da far scattare il ricovero in rianimazione. Passa qualche settimana e le condizioni del 76enne migliorano leggermente: viene trasferito così in un centro di riabilitazione di Potenza dove resta un solo giorno, prima di essere spostato al Campolongo Hospital di Eboli.

Il calvario

A fine luglio, l’anziano viene trasferito presso la terapia intensiva dell’ospedale di Eboli a causa di nuove complicazioni legate ad una polmonite. A settembre un nuovo miglioramento delle condizioni del paziente, la cui famiglia decide di trasferirlo presso un altro centro riabilitativo di Roccapiemonte. Ad inizio novembre, infine, le sue condizioni si sono nuovamente aggravate, arrivando ad un nuovo ricovero all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore: dopo dieci giorni, il trasferimento a Villa Chiarugi, struttura sanitaria di Nocera.

Articoli correlati

Back to top button