CronacaSenza categoria

Vademecum per ridurre lo spreco d'acqua emanato dal Comune di Pagani

Un vero e proprio vademecum per evitare ogni spreco d’acqua.

È quanto ha diramato l’Assessorato alla Tutela Ambientale del Comune di Pagani retto da Gerardo Palladino.

In una nota, riportata da medianews24, l’esponente della giunta municipale ha invitato i cittadini ad un uso ragionevole delle risorse idriche, a causa del periodo di siccità che sta attraversando la provincia salernitana.

“Come Amministrazione Comunale – si legge nel testo – abbiamo messo in campo una serie di iniziative, alcune già realizzate come l’uso del sistema meccanico a pulsante su alcune fontanine pubbliche presenti sul territorio al fine di evitare l’inutile spreco d’acqua causato dal gettito continuo della stessa, mentre su altre si sta valutando la possibilità di utilizzare altre tecnologie tese sempre al controllo razionale e parsimonioso della preziosa molecola.

Un rubinetto che gocciola al ritmo di 90 gocce al minuto è stato dimostrato statisticamente che spreca 4000 litri di acqua all’anno; un foro di 1 mm in una tubatura, provoca in un giorno una perdita di 2328 litri di acqua potabile. Dunque eseguendo una corretta manutenzione si risparmia acqua e denaro.

Chiudere il rubinetto mentre ci si rade o ci si lavano i denti oppure quando si fa lo shampoo in quanto non è necessario tenere il rubinetto costantemente aperto.
Questi comportamenti consentono ad una famiglia di tre presone un risparmio di circa 6000 litri di acqua all’anno.

A pieno carico è meglio.
Utilizzare lavastoviglie e lavatrice a pieno carico, perché consente un risparmio di acqua e di energia elettrica.
Per quanto riguarda l’acqua il risparmio può ammontare fino a circa 10000 litri all’anno per famiglia.

Rispettiamo l’ambiente.
Spesso per la pulizia delle stoviglie e della casa viene utilizzata una dose eccessiva di prodotti chimici aggressivi, scegliere detersivi compatibili con l’ambiente e mettere attenzione nel non gettare negli scarichi di casa rifiuti solidi può evitare l’inquinamento dei torrenti, dei fiumi e dei mari.
Innaffiare le piante di sera dopo il tramonto, in quanto l’acqua evapora più lentamente.

E per le ferie…
quando si va in ferie o, comunque, ci si assenta da casa per lunghi periodi, è buona norma chiudere il rubinetto centrale dell’acqua evitando sorprese sgradevoli dovute a rotture o avarie improvvise dell’impianto”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button