Valva, sesso a tre con una minorenne: “Il fatto non sussiste”

valva-processo-pedopornografia

Sono stati assolti due ragazzi di 25 anni di Valva, accusati di detenzione di materiale pedopornografico riguardante una ragazza di 14 anni del posto

“I fatto non sussiste”, si conclude così un lungo iter giudiziario. Sono stati assolti due ragazzi di 25 anni di Valva, accusati di detenzione di materiale pedopornografico riguardante una ragazza di 14 anni del posto.

Valva, assolti due giovani

Tutto ha avuto inizio a metà gennaio quando, la madre della minorenne si accorge di un comportamento insolito della figlia e immaginando che potesse aver trascorso la notte precedente in compagnia di due suoi amici, entrambi 25enni, le chiede spiegazioni a cui la 14enne  non risponde.

Constatato lo strano atteggiamento della minore che stava sempre al telefono a scrivere messaggi in chat, la donna si ricorda che qualche tempo prima, era venuta a conoscenza dei codici e delle password di accesso al cellulare della giovane e approfittando di un momento di distrazione della figlia, la donna afferra il telefono e lo controlla di nascosto, scoprendo che la ragazza aveva una relazione sentimentale con un 25enne, accompagnata da un reciproco e volontario scambio di fotografie erotiche tra i due.

Leggendo i messaggi della figlia però, la madre scopre che a quegli incontri intimi tra la 14enne e l’operaio, aveva preso parte una terza persona, quest’ultimo anche lui 25enne, amico dei fidanzatini.

Preoccupata che le foto della figlia potessero essere state diffuse sul web, la donna si reca dai carabinieri della stazione di Colliano e presenta una denuncia nei confronti dei ragazzi. Le indagini sono partite immediatamente. Su richiesta del sostituto Procuratore della Repubblica di Salerno, il magistrato Maria Benincasa, un mese dopo, i due operai vengono iscritti nel registro degli indagati e sottoposti alle perquisizioni delle abitazioni, personali e delle autovetture di proprietà, che portano al sequestro da parte dei militari, di due telefoni cellulari, personal computer e tablet.

TAG