Cronaca

Violenta lite a Capaccio, donna sfascia banchetto degli ortaggi: due i feriti, si segue la pista passionale

La rissa è avvenuta venerdì sera in località Capodifiume nei pressi di una rivendita ambulante di ortaggi

Attimi di paura venerdì a Capaccio dove è scoppiata una violenta lite. Due le persone ferite, un 60enne della zona ed una donna, madre di due bambini. La rissa è avvenuta venerdì sera in località Capodifiume nei pressi di una rivendita ambulante di ortaggi. La bancarella è stata completamente sfasciata dalla donna, la quale, al volante di un’auto, si è improvvisamente lanciata contro la struttura più volte, abbattendola e riversando tutto per strada.

Donna sfonda banchetto di ortofrutta a Capaccio: cosa è sucesso

Come riporta Il Mattino, sul posto sono subito sopraggiunte tre persone, residenti a pochi metri e parenti del gestore del banco frutta, per capire cosa fosse successo, pensando dapprima ad un incidente: la donna, accortasi della loro presenza, è scesa dall’auto e, non soddisfatta del danno arrecato, ha iniziato a lanciare di tutto e ad insultare pesantemente i tre uomini, mollando schiaffi in preda ad un raptus, per poi allontanarsi perché, secondo quanto poi riferito dal legale della stessa ai carabinieri, sarebbe spuntato fuori un coltello e sarebbe stata ferita ad un braccio.

Poco dopo, è arrivato anche il marito della donna, che ha continuato a sfasciare la rivendita aggredendo il 60enne incaricato di sorvegliare la postazione di notte, danneggiando pesantemente anche l’auto utilizzata dallo stesso guardiano, un’Opel Astra. Per il 60enne, preso a botte, si è reso necessario l’intervento di un’ambulanza del 118, che lo ha trasportato in ospedale per accertamenti.

Le indagini

Tra le ipotesi al vaglio delle forze dell’ordine, una lite a sfondo passionale o presunte avances subite dalla donna. Sul luogo della rissa sono giunti i carabinieri della Stazione di Capaccio Capoluogo, diretti dal maresciallo Michele Bellomo, unitamente ai colleghi dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Agropoli, agli ordini del capitano Fabiola Garello, che ora indagano sull’accaduto.

Fonte: Il Mattino

Articoli correlati

Back to top button